Le opere di David Attenborough

image

Sir David Attenborough

Sin dai primi anni ‘50 Sir David Attenborough ha rappresentato un’istituzione nel mondo della televisione britannica, in particolare per quanto riguarda i documentari scientifici e naturalistici, che sono tradotti in innumerevoli lingue e trasmessi in ogni parte del globo, al punto da essere senza dubbio le più celebri serie di divulgazione scientifica mai prodotte per la televisione.

La ultracinquantennale carriera di Attenborough iniziò nel 1954 con la collaborazione con la BBC per la serie Zoo Quest, che nei successivi dieci anni lo portò in ogni parte del globo a descrivere le meraviglie del mondo animale. Alternati a questa serie, Attenborough produsse altri programmi televisivi trattanti argomenti disparati, che passavano dall’archeologia all’antropologia, alla politica, alla religione, al giardinaggio e persino ai quiz (!), ciononostante il massimo successo venne raccolto con la sua produzione riguardante la storia naturale. Nel 1965, in qualità di responsabile dell’introduzione della televisione a colori in Inghilterra per la BBC, e in seguito anche direttore della programmazione dei due canali della stessa British Broadcasting Corporation, Attenborough fu costretto, a causa di questi pressanti impegni istituzionali, ad abbandonare per alcuni anni la realizzazione di nuovi programmi televisivi.

Nel 1973, però, esclamando “non ho ancora visto le isole Galapagos!”, Attenborough ritornò in televisione con nuove serie di documentari, prima con Eastwards, sulla natura del Sudest asiatico, poi con Tribal eye, dedicato all’arte tribale. Ma è con Life on Earth (La Vita Sulla Terra) del 1979 che l’opera di Attenboruogh divenne conosciuta in tutto il mondo: le tredici puntate che costituivano la serie furono distribuite in numerose nazioni dei cinque continenti, e viste da un pubblico stimato di circa 500 milioni di persone. Questa divenne la prima parte di una trilogia di serie televisive dedicate dalla BBC alla Storia Naturale, insieme a The Living Planet (il Pianeta Vivente) del 1984 e a The Trials of Life (Le Sfide della Vita) del 1990, che ebbero anche loro un eccezionale successo di pubblico a livello mondiale.

imageimageimage

Le trasposizioni letterarie delle tre serie televisive dedicate dalla BBC alla storia naturale

Queste tre opere sono state riproposte con successo anche in Italia, e sono disponibili anche le loro trasposizioni su libro, addirittura in versioni adattate per le scuole. Il filo della narrazione è gestito magistralmente: se ‘La Vita Sulla Terra’ difatti spiega i vari passaggi che portarono i singoli gruppi animali e vegetali a popolare il globo nel corso della storia dell’evoluzione (le prime foreste, la conquista delle acque e della terraferma, etc..) e conseguentemente come l’infinita varietà biologica che lo popola si sia creata, ‘Il Pianeta Vivente’ analizza tale diversificazione in base all’habitat, e a ciascun differente ambiente è dedicato un capitolo dell’opera (foreste boreali e tropicali, deserti, acque dolci e salate, isole…), analizzando come animali e piante si siano adattati per giungere alle forme attuali, e la loro diversificazione e adattamento in base all’habitat.

Infine, ‘Le sfide della vita’ narra tutte le fasi che compongono l’esistenza degli individui, e degli sforzi che essi devono compiere per attuare lo scopo fondamentale di questa, la sopravvivenza e la perpetuazione della specie. Gli episodi della serie in questo caso sono dedicati ciascuno a una sola di tali tappe: il nascere, l’accrescimento, il nutrimento, la ricerca del compagno e le cure della prole, e così via. Ciò che rende straordinari questi documentari è però la bellezza e la qualità delle delle immagini e dei soggetti rappresentati, che rendono visivamente eccezionali tali opere e giustificano il loro successo, sebbene la capacità narrativa di Attenborough riesca nel non facile intento di collegare argomenti apparentemente distanti senza perdere il filo del discorso, e di mantenere criterio e precisione scientifica pur rivolgendosi a un pubblico ampio e non necessariamente competente. Non è un caso che le trasposizioni su carta stampata siano ricchissime di immagini, e la narrazione sia sempre fresca e coinvolgente, sforzandosi al massimo nell’evitare l’utiizzo di termini tecnici e scientifici, e nomi latini.

image

A questa lunga trilogia si susseguirono e alternarono altre serie di minor durata, tra cui The First Eden, dedicata ai primi uomini che popolarono la Terra e al loro sviluppo iniziale lungo le coste mediterranee, e Lost Worlds, Vanished Lives, dedicata al mondo dei fossili e alla paleontologia. Nel 1993 Attenborough presentò Life in the Freezer, sulle forme di vita che popolano l’Antartide, e due anni più tardi The Private Life of Plants, dedicato al mondo vegetale.

Negli anni successivi girò due speciali per la BBC, uno sulla vita dei misteriosi uccelli del paradiso, l’altro sulla celebrazione delle opere compiute in quarant’anni di attività dalla BBC Natural History Unit. Nel 1998 presentò invece una nuova lunga serie di spettacolari documentari sulla vita degli uccelli del globo, chiamata The Life of Birds.

Le sue opere più recenti invece si intitolano State of the Planet e The Blue Planet, dedicate rispettivamente alla terraferma e al mondo marino. Del 2002 è invece una nuova e innovativa grande serie per la BBC, questa volta dedicata al mondo dei Mammiferi, intitolata The Life of Mammals. In essa sono state sperimentate nuove tecnologie di ripresa e di editing digitale, e in generale rappresenta una delle più evolute e ambiziose opere mai realizzate nel campo della documentaristica televisiva. Da qui in poi tutte le serie naturalistiche della BBC hanno seguito questo taglio moderno e all’avanguardia. Di tempi più recenti sono le serie Life in the undergrowth, Life stories e New life stories che portano ancora la sua firma, oltre a una costante presenza nei documentari BBC nel ruolo di voce narrante.

Insignito del cavalierato nel 1985 per i suoi meriti scientifici, Sir David Attenborough ha collezionato negli anni sempre più prestigiose onoreficenze per il suo lavoro di divulgatore scientifico, da parte dei principali istituti e musei britannici, ed è divenuto anche presidente della Royal Society for Nature Conservation. La sua carriera ultracinquantennale è stata celebrata dalla BBC con il documentario Life on Air.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...