Piero Angela – Viaggio nel mondo del paranormale (1978)

image

Questo non è un libro per coloro che vogliono credere. Ma per coloro che vogliono capire.
Con questa introduzione Piero Angela presenta uno dei suoi lavori più famosi, con la chiara intenzione di approfondire in ogni suo aspetto una tematica di estremo interesse scientifico come la parapsicologia, per sondare e scoprire quanto ci sia di vero e credibile nei fenomeni paranormali di cui parlano costantemente le cronache.
Angela indaga, con spirito critico e rigore scientifico, tutti gli aspetti di tale tematica, dalla telepatia alla chiaroveggenza, dalla precognizione, alla psicocinesi, alle sedute spiritiche e a quant’altro riguardi questo amplissimo territorio di ricerca.
E le sorprese, soprattutto per chi comincia ad avvicinarsi a tali tematiche con un interesse critico, sono decisamente numerose, a partire da alcuni principi di base della fisica che cominciano già di partenza a far dubitare il lettore di grandissima parte delle ‘prove’ che vengono fornite a supporto di un buon numero dei fenomeni paranormali esaminati al giorno d’oggi. Un esempio: per quanto riguarda la comunicazione telepatica, o anche la psicocinesi, essa viene resa fisicamente impossibile dal fatto che la potenza elettrica di una singola cellula nervosa è di un miliardesimo di Watt, valore eccessivamente basso per poter essere distinto dal ‘rumore di fondo’. Tanto più che l’intensità di un campo magnetico diminuisce col quadrato della distanza… Oltretutto, il cervello umano genera frequenze di pochi hertz. Per poter trasmettere con queste frequenze bisognerebbe che gli uomini avessero sulla testa un’antenna di 5 Km di altezza, oppure bisognerebbe immergerli nell’elio liquido, a 260° sotto zero…
Dagli evidenti limiti fisici che rendono se non impossibili almeno estremamente improbabili buona parte di tali fenomeni, la descrizione delle indagini di Angela sul paranormale si dedica all’esame di alcuni degli esempi più noti di parapsicologia, in taluni casi esaminati anche da scienziati celebri senza che si fosse mai giunti a una spiegazione scientifica dei fenomeni.

Un esempio è quello di Eusapia Palladino, celebre medium del XIX secolo, conosciuta principalmente per la levitazione dei tavolini durante le sedute spiritiche. Sebbene fosse stata smascherata varie volte a utilizzare dei trucchi, la sua fama crebbe a dismisura e molti scienziati che assistettero alle sue performances valutarono come assolutamente veri e non spiegabili scientificamente tali presunti fenomeni spiritici.
image

Eusapia Palladino

image

image

Eusapia Palladino in alcune delle sue celebri ‘levitazioni’ di tavolini

Altro celebre caso è quello dei Welsh boys, due ragazzi che sembravano possedere doti di telepatia, riuscendo a comunicare tra di loro numeri e frasi pur non essendoci alcun contatto fisico o visivo tra di loro. Anche in questo caso, il trucco fu smascherato: consisteva nell’utilizzo di una pompetta collegata a un fischietto a ultrasuoni (che per alcune frequenze sono percepibili solamente dalle persone di età inferiore ai 20 anni), eppure la loro notorietà rimase intatta.

Gli esempi celebri si susseguono, come ad esempio quello del famoso sensitivo olandese Gerard Croiset, particolarmente noto durante la metà degli anni ‘70 per la sua presunta capacità (che in realtà in molte occasioni si rivelò del tutto inconsistente) di reperire persone smarrite, o decedute, ma l’esempio che con maggiore attenzione è preso in considerazione da Piero Angela è quello di Uri Geller, celebre medium israeliano, conosciuto principalmente per la sua capacità di piegare cucchiai e chiavi con la sola forza del pensiero, oltre a un vasto repertorio di altri esperimenti paranormali.
image

Uri Geller

Molti degli esperimenti sullo stesso Geller effettuati anche da celebri scienziati per dimostrare la veridicità dei poteri da lui dichiarati diedero esito positivo; dalle premonizioni di vario genere, alla telepatia (di solito manifestata riconoscendo i disegni o le frasi scritte da altri e chiuse dentro una busta), alle ‘foto spiritiche’ effettuate con macchine con l’obiettivo chiuso, raffiguranti immagini sbiadite di paesaggi e ambienti, per arrivare alla sua specialità, ovvero il piegare chiavi e cucchiai sotto gli occhi di tutti senza trucchi apparenti. La chiave di volta negli studi su Geller si ebbe quando le osservazioni non vennero più effettuate solo da studiosi e scienziati, ma furono chiamati in causa prestigiatori e illusionisti. Lo stesso Angela richiese la collaborazione del celebre illusionista James Randi (The amazing Randi), da sempre impegnato a dimostrare di essere in grado di effettuare gli stessi esperimenti dei medium più famosi utilizzando semplicissimi trucchi da prestigiatore.

image

L’illusionista James Randi

Il risultato fu notevole, Randi riuscì a riproporre tutti i trucchi di Geller senza problemi, e in certi casi aumentando anche il grado di difficoltà degli esperimenti stessi. Non è certo un caso che Geller si sia sempre rifiutato di riproporre i suoi ‘prodigi’ sotto il controllo di prestigiatori professionisti, e allo stesso Randi non è mai stato concesso di assistere in prima persona alle esibizioni del medium. Il prestigiatore ha raccolto le sue osservazioni e svelato tutti i trucchi di Geller in un libro, ed ha anche offerto una ricompensa di 10000 dollari (cifra che ora è salita a un milione, e che nessuno è mai riuscito ad aggiudicarsi), a chiunque riuscisse a dimostrare le proprie capacità ‘paranormali’ sotto il controllo suo e di uno staff di scienziati e prestigiatori.

image

Il libro di James Randi in cui vengono svelati tutti i trucchi di Uri Geller

Altre tematiche ancora vengono trattate, in questo caso legate principalmente alla superstizione o alla ‘voglia di credere’ nel paranormale della gente comune, e in certi casi, come per la rabdomanzia, le guarigioni miracolose, la preveggenza o anche l’astrologia, non è il fenomeno in sé che va analizzato, ma la risposta del pubblico, disposto ad accettare qualunque verità gli venga proposta, quando anche statisticamente le previsioni o i successi non hanno nulla di straordinario nell’insieme totale dei tentativi di predizione.

Un fenomeno di autoconvincimento che si può, per molti versi, associare all’effetto placebo, ovvero il fenomeno per cui su molti pazienti un finto farmaco (denominato placebo), ottiene risultati paragonabili a quelli di un medicinale con reali effetti terapeutici; su tale effetto fanno forte presa anche le figure dei ‘guaritori’ che, mediante l’utilizzo esclusivo delle mani (e probabilmente di qualche abile trucco), sarebbero in grado di curare i malati gravi.
Certo, ai tempi in cui questo libro venne pubblicato (fine anni ‘70), in associazione con un interessante ciclo di documentari a opera dello stesso Piero Angela su queste tematiche, l’argomento era forse di maggior interesse, sia perché imperversavano sui mezzi di comunicazione medium celebri come lo stesso Geller; ciononostante, visto che anche al giorno d’oggi queste tematiche sono di attualità (basti pensare ai recenti scandali di numerose persone imbrogliate da sedicenti maghi e guaritori di vario genere), una letta forse sarebbe il caso di dargliela.

Non credo difatti che sia un caso che ancora per molta gente la voglia di credere sia più forte della voglia di comprendere, o della semplice razionalità. E’ incredibile in tal senso il caso di un medium che confessò di aver imbrogliato moltissima gente con sedute spiritiche fasulle, sentendosi in colpa per aver ricevuto in cambio dei suoi servizi donazioni di ogni genere (persino una casa!), e che non solo non venne accusato per i suoi inganni da nessuno, ma anzi venne ringraziato; addirittura, in un altro caso equivalente, un medium reo confesso venne perdonato, e addirittura gli venne chiesto di continuare comunque le sue sedute! Pensiamoci su…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...