Il primo convegno di Jane Goodall

Jane Goodall

Per celebrare l’8 marzo, vi racconto un aneddoto che spero aiuti a riflettere.
Era il 1962, e la giovanissima Jane Goodall partecipava per la prima volta a un convegno. Si trattava di un simposio sui primati organizzato dalla Zoological Society di Londra.
Ai tempi, i convegni scientifici erano una cosa serissima, e le donne presenti una sparuta minoranza.
Jane era emozionata e aveva preparato l’evento nei minimi dettagli. Aveva ripetuto il suo intervento per ore, e si era presentata con un completo elegantissimo, i capelli raccolti e un elegante cappellino. Aveva attirato l’attenzione di molti presenti.
Nonostante la giovane età Jane, con i suoi studi sugli scimpanzé condotti a Gombe, in Tanzania, aveva già collezionato un numero di ore di osservazione diretta degli animali nel loro ambiente naturale ineguagliato da chiunque. Le scimmie avevano fiducia in lei, l’avevano accettata nel gruppo e le permettevano di osservarle durante la giornata. Nessun altro era riuscito ad ottenere risultati simili fino ad allora.

Solly Zuckerman

Ciononostante il moderatore della conferenza, sir Solly Zuckerman, aveva un atteggiamento ostile nei suoi confronti. Zuckerman era un soggetto imponente, sia per la sua fisicità sia, soprattutto, per la lunga carriera scientifica. Era un anatomista comparato, aveva studiato le scimmie (soprattutto i babbuini) e il loro comportamento, sia in natura sia in cattività. Inoltre era anche un eroe di guerra, quindi alla statura scientifica si sommava un grande rispetto da parte di tutti i suoi interlocutori. Zuckerman temeva che Jane fosse la solita ragazzina entusiasta e priva della minima formazione teorica. E così prese a correggere, contestare e sminuire ogni sua affermazione.
Ma Jane Goodall aveva già fatto grandi scoperte: aveva visto che gli scimpanzé erano in grado di creare e utilizzare strumenti; aveva visto che erano anche carnivori e che si avventuravano regolarmente in battute di caccia; aveva scoperto che i maschi erano promiscui e si accoppiavano con più femmine, ma senza avere harem fissi.
Quest’ultima affermazione strideva con le convinzioni di sir Solly. Eppure Jane quelle osservazioni le aveva fatte sul campo, e le aveva supportate con foto e filmati.
Non solo: quando uno spettatore chiese degli harem a Jane, per due volte Zuckerman rifiutò di girare la domanda alla relatrice, e quando, innervosito, lo spettatore si rivolse direttamente a lei e Jane ovviamente rispose descrivendo quanto aveva osservato, sir Solly osservò stizzito che c’era gente che “preferiva gli aneddoti alle rigorose prove scientifiche”.
Peraltro, quello spettatore era lo zoologo Desmond Morris, che a brevissimo avrebbe ottenuto un grande successo come divulgatore con “La scimmia nuda”, libro tornato in auge in questi giorni in Italia grazie alla citazione di una canzone di Sanremo (sic). Ebbene, Zuckerman, per scusarsi dell’uscita infelice, scrisse poi un bigliettino a Morris per dirgli che aveva capito che voleva solo stimolare il dibattito, ma che temeva che si andasse a finire nelle discussioni antiscientifiche “per colpa della sensualità”.
Insomma, quando per l’8 marzo spuntano i soliti discorsi sulle donne che in realtà possono fare il lavoro che vogliono e ottenere gli stessi risultati degli uomini, potete raccontare questa storia. Così magari si rifletterà un po’ più nel dettaglio sul fatto che sì, le donne possono raggiungere ogni traguardo nella vita, ma che spesso, per farlo, sono costrette a superare qualche ostacolo in più.

Desmond Morris

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...