Storie di leoni, di Africa, di cinema e di YouTube

Nel 1970, Virginia McKenna e Bill Travers, coppia di acclamati attori inglesi, entrarono in un negozio di mobili a King’s Road a Londra, alla ricerca di una scrivania. I due non avrebbero mai potuto immaginare che questa semplice commissione li avrebbe resi l’anello di congiunzione tra le storie di due dei più celebri animali selvatici di tutti i tempi.

image

George Adamson (1906-1989)

Per raccontare questo affascinante intreccio di vicende, bisogna introdurre uno dei protagonisti assoluti della storia dell’attivismo ambientale in Africa, nonché uno dei simboli della lotta al bracconaggio e allo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali da parte dell’uomo.

Sono ormai passati oltre 25 anni dalla tragica scomparsa di George Adamson, il Baba ya Simba (padre dei leoni) che tanto ha fatto per sensibilizzare il pubblico sulla tutela degli animali selvatici. Eppure, il suo lungo lavoro di studio, allevamento e reintroduzione dei grandi predatori nel loro ambiente naturale non è andato perduto. Il suo nome è tutt’oggi associato ai maestosi scenari della savana africana e all’amore per la vita selvatica, in buona parte grazie alla notorietà giunta negli anni dal cinema, dai documentari e da una costante attenzione da parte dei media di mezzo mondo.

Adamson iniziò la sua carriera come guardacaccia nel 1938, nelle zone settentrionali del Kenya che coincidono con l’attuale Parco Nazionale di Meru. La sua attività proseguì fino al 1961, anno in cui decise di andare in pensione. La sua permanenza in quest’area durò invece fino al 1970, quando si trasferì nella Kora National Reserve (ora parco nazionale), sempre in Kenya. Qui si dedicò totalmente all’allevamento di animali allevati in cattività o rimasti orfani, allo scopo di reintrodurli in natura, attività a cui si era già dedicato in passato e per la quale era divenuto celebre, grazie in buona parte a sua moglie Joy.

image

Joy Adamson (1910-1980)

Joy, che aveva sposato George Adamson in terze nozze, era un’illustratrice: aveva creato molti pregevoli dipinti della natura africana che le avevano fruttato un buon nome nel campo. Tuttora gran parte delle sue opere sono conservate in un museo a Nairobi. Era innamorata dell’Africa e della sua natura selvaggia, sebbene il suo arrivo fosse stato dettato da cause non dipendenti dalla sua volontà: dall’Austria si era trasferita in Kenya insieme al primo marito, di origini ebraiche, per fuggire all’avvento del nazismo.

Il suo talento artistico si rivelò presto anche nella scrittura quando, nel 1960, diede alle stampe il suo primo racconto, Nata libera, in cui narrava la vera storia della leonessa Elsa, che era stata allevata da lei e da George per essere reintrodotta in natura.

image

Elsa (1956-1961)

Le vicende di Elsa sono ancora oggi conosciutissime: George Adamson, svolgendo il suo ruolo di guardacaccia, era andato alla ricerca di un leone che aveva sbranato degli uomini, per abbatterlo. Durante la battuta di caccia, Adamson e i suoi compagni vennero improvvisamente aggrediti da una leonessa a cui dovettero sparare, uccidendola. L’animale, in realtà, stava solo proteggendo il suo territorio e la sua famiglia: una cucciolata di tre femmine, che in seguito vennero chiamate Big One, Lustica ed Elsa.

Adamson, al ritorno dalla battuta di caccia, portò le tre leoncine con sé e decise di tenerle, per svezzarle ed evitare loro una morte certa. Elsa era la più piccola ma anche la più curiosa e intraprendente e, soprattutto, la più docile e affezionata agli uomini. Mentre le sue sorelle, una volta svezzate, vennero inviate allo zoo di Rotterdam, per Elsa si decise di provare a reintrodurla in natura. Dopo lunghe peripezie e non pochi fallimenti, gli Adamson riuscirono a restituire Elsa all’ambiente selvaggio in cui era nata. Circa tre anni dopo, Elsa tornò a salutare i suoi genitori adottivi in compagnia dei suoi tre cuccioli, i maschi Jespah e Gopa e la femmina Little Elsa. La leonessa morì nel 1961 dopo aver contratto una malattia infettiva, la piroplasmosi. Al suo funerale, Adamson sparò venti colpi di fucile in sua memoria. Ancora oggi la sua tomba, ubicata nel Parco Nazionale di Meru, è oggetto di visita da parte di tanti amanti della natura. Per i tre figli di Elsa, essendo mal visti da buona parte della popolazione locale, fu necessario un trasferimento in Serengeti, in Tanzania, dove finalmente riuscirono a trovare un ambiente a loro favorevole.

Il romanzo Nata Libera ebbe subito un grande successo di pubblico, trasformando George e Joy Adamson in celebrità di livello internazionale. Stessa cosa per il suo seguito Living Free, racconto in cui venivano raccontate le vicissitudini dei cuccioli di Elsa. Dalla carta stampata alle cineprese il passo fu breve: cortometraggi, documentari e serie televisive negli anni a venire avrebbero celebrato l’epopea degli Adamson e il loro grande amore per la natura selvaggia. Ma fu soprattutto la trasposizione cinematografica del primo romanzo di Joy, l’omonimo Born free (Nata libera nella sua traduzione italiana) a rendere i coniugi inglesi delle celebrità a livello planetario. Il film fu un grandissimo successo e divenne immediatamente un classico del cinema per ragazzi. E, manco a dirlo, per interpretare gli Adamson vennero scelti proprio i nostri Bill Travers e Virginia McKenna, che erano coniugi anche nella vita reale.

image

Poster originale di “Nata libera” (1965) (fonte: Wikipedia)

Quello che non tutti sanno è che durante la lavorazione del film gli Adamson collaborarono attivamente come consulenti e addestratori dei leoni e strinsero una sincera amicizia con i due attori scelti per rappresentarli. Questi ultimi, da parte loro, furono profondamente segnati dall’esperienza e, pur proseguendo con successo nelle loro carriere, da quel momento decisero di dedicarsi attivamente alla salvaguardia della natura.

Ed eccoci tornati al 1970 e al nostro negozio di mobili in King’s road. Erano passati pochi anni dalle riprese di Born free e i due attori avevano fresca memoria della loro esperienza in Kenya. Al primo piano del negozio, ad attenderli, c’era una sorpresa inaspettata: era Christian, un leone maschio di pochi mesi ma dalle dimensioni già notevoli. Il leone, di proprietà di due ragazzi australiani, John Rendall e Anthony “Ace” Bourke, era stato acquistato nei celebri magazzini Harrod’s di Londra l’anno precedente. Ai tempi la legislazione britannica consentiva l’acquisto e l’allevamento di animali esotici in casa, e anzi nella mondana capitale inglese di fine anni ‘60 stravaganze come portare un cucciolo di leone o di leopardo al guinzaglio erano piuttosto comuni.

I due ragazzi, dipendenti del negozio di mobili, avevano trovato nel primo piano del negozio un buon accomodamento per il loro cucciolo, ma la rapida crescita e il notevole aumento di peso cominciavano a creare più di un problema nel suo mantenimento. Per permettergli di fare qualche corsetta, il vicario del quartiere permise ai proprietari di Christian di farlo passeggiare liberamente nel camposanto (!).

In questo senso l’arrivo dei due attori amici degli animali fu provvidenziale: i ragazzi australiani non esitarono a chiedere aiuto per Christian, al fine di evitargli una triste fine dietro alle sbarre di uno zoo. Subito i coniugi Travers si dissero entusiasti di poter dare una mano e contattarono George Adamson (che nel frattempo si era separato da Joy) per vedere se fosse possibile fare con Christian quello che era stato fatto con Elsa e con tanti altri animali.

L’impresa non era facile e lo stesso Adamson si disse dubbioso: c’era una bella differenza tra il reintrodurre nella savana africana degli animali già selvatici all’origine e provare a far adattare a un nuovo ambiente un leone proveniente da uno zoo e discendente da animali a loro volta addomesticati. Ciononostante, il “padre dei leoni” prese a cuore la causa e accettò di prendersi in carico Christian.

Dopo lunghe trattative con le autorità del Kenya, inizialmente restie ad accettare l’introduzione dell’animale sul loro territorio, alla fine l’autorizzazione arrivò. Durante questo periodo di attesa, Christian venne custodito nella tenuta personale dei Travers in Surrey, in un recinto creato appositamente per lui. Poco dopo aver compiuto l’anno di età, Christian era finalmente in volo verso la riserva di Kora.

Adamson aveva pensato di creare un branco di animali in cui Christian potesse integrarsi e adattarsi gradualmente alla savana. Venne affiancato a un altro leone maschio più grande, anch’esso allevato per anni da Adamson e chiamato Boy, che sarebbe stato il capobranco. Dopo una forte aggressività iniziale da parte di Boy, i due leoni strinsero una forte amicizia. Al branco venne poi aggiunta una femmina, Katania.

Purtroppo la storia del branco fu accompagnata da molte disgrazie: Katania venne aggredita da un coccodrillo, mentre un’altra femmina che le era stata affiancata venne uccisa da un branco rivale. Lo stesso Boy ebbe una tragica fine: Stanley, cuoco della riserva e amico di Adamson, si era allontanato dalla zona sicura per raccogliere del miele selvatico. All’improvviso si accorse di essere seguito da Boy e, spaventato, si mise a correre scatenando l’istinto predatorio del leone. Boy lo azzannò e Adamson, sopraggiunto, fu costretto a sparargli, uccidendolo. Lo stesso Stanley morì due giorni dopo per le ferite riportate. La tragedia causò un grande clamore mediatico e alcune persone cominciarono a sollevare dubbi sulla pericolosità del progetto di Adamson.

In ogni caso, il lavoro di reintroduzione di Christian proseguì, fino a che l’animale sembrò perfettamente in grado di vivere nella savana. Nel 1974 Christian, ormai un leone adulto, era a capo di un branco e aveva avuto cuccioli con due femmine. Rendall e Bourke, confortati da questa notizia, chiesero ad Adamson di reincontrare quello che era stato il loro cucciolo. Il naturalista si disse scettico, sia perché dubitava che il leone li avrebbe riconosciuti, sia perché erano mesi che Christian non si faceva vedere vicino al campo base. Ma le cose andarono in un modo del tutto inaspettato.

Il giorno dell’arrivo dei due ragazzi, infatti, Christian apparve dalla sua roccia preferita, a breve distanza dal campo, come se stesse aspettando qualcuno. L’incontro fu memorabile: dopo un attimo di indecisione e ripetuti sguardi di verifica, Christian scese dalla roccia e corse incontro ai suoi amici di infanzia, abbracciandoli e mostrando una gioia incontenibile nel rivederli dopo così tanto tempo. Dopo poco, anche il resto della famiglia di Christian venne a salutare i suoi amici umani.

Tre mesi dopo avvenne un altro incontro, l’ultimo, tra il leone e i suoi ex padroni. Da lì in poi Christian non fu più visto, ma Adamson ha ipotizzato che abbia trascorso serenamente i suoi ultimi anni in prossimità della Riserva Naturale di Meru, a breve distanza da Kora.

Tutti questi incontri vennero fotografati e filmati, dando origine a un gran numero di documentari su Christian che fecero il giro del mondo. L’amicizia di Rendall e Bourke con il fotografo Derek Cattani fu di grande aiuto in tal senso. Ma l’evento che più di ogni anno riportò l’attenzione dei media mondiali sulle vicende dell’animale fu la pubblicazione su YouTube del toccante video del ricongiungimento, nel 2006. Pubblicato dalla studentessa californiana Lisa Williams, il video divenne immediatamente virale e raggiunse in brevissimo tempo i cinquanta milioni di visualizzazioni. L’originale è stato rimosso, ma varie altre versioni sono disponibili in rete, come questa:

Alla fine, comunque, tutta questa attenzione da parte dei media è servita a sensibilizzare il pubblico sulla conservazione degli ambienti naturali e della fauna selvatica. In particolare, la notorietà di Elsa e Christian ha permesso di mantenere in vita fino a oggi i progetti nati dai protagonisti di questa vicenda: il George Adamson Wildlife Preservation Trust e la Born Free Foundation, quest’ultima creata da Bill Travers e Virginia McKenna.

Gli stessi protagonisti della vicenda hanno avuto sorti alterne. Da un lato i due attori, rimasti insieme fino alla morte di lui nel 1994, hanno avuto tanti altri successi televisivi e cinematografici e hanno continuato a dedicarsi all’ambiente. Virginia McKenna, in particolare, è ancora a capo della fondazione ed è molto impegnata nella promozione delle sue attività. Dall’altro lato Joy Adamson, nel 1980 (dieci anni dopo la separazione dal marito) venne barbaramente uccisa da un suo ex dipendente, forse a causa di debiti non saldati. Sulla sua morte però non è mai stata fatta del tutto chiarezza. George Adamson morì invece nel 1989 vicino a Kora, in un conflitto a fuoco con dei banditi somali mentre stava accorrendo in difesa di un turista che era venuto a trovarlo e che si salvò per merito suo. Oggi si trova sepolto nel Kora National Park a fianco di suo fratello Terrance, di Super Cub, il cucciolo preferito di Terrance, e del suo amato leone Boy.

Annunci

What will global warming bring to the future of Sahara?

image

As the major hot desert in the world, Sahara represents one of the most important examples of how climate on Earth changed during the latest thousands of years, and how these changes could go on in the future.

Covering the greatest part of North Africa, with over 9 square kilometers of extension, moving from the western Atlantic coasts to the Red Sea on the East, this vast formation could be the key to some new climatic systems which are thought to appear in the few decades. This could also bring huge social problems in the nations involved.

Could looking at the past of these areas help scientists in forecasting their future scenario? Maybe we could get some trustworthy models, as we have lots of paleoclimatic data on how the desertification evolved in human times. As we know for sure, during mid-Holocene, 9000 to 6000 years before present, most parts of the Sahara were covered with lush vegetation, mainly grasslands (1).

Still, scientists are looking for a reliable forecast.

A greener future or a drier one?

One of the greatest debates among climate scientist regards the future scenario of these areas, which is undoubtedly one of the most difficult to preview. This because the effects of higher temperatures due to human-caused global warming could change things in an unexpected way: some territories in the Sahel, the transition part between the Sahara desert to the North and the central Africa savannah to the South, could in fact become surprisingly greener. During the latest decade, satellite images studies revealed that many different areas of the southern borders of Sahara became covered by lush vegetation in few years (2). How could this be possible? It seems that the key to this unexpected change is an increased rainfall rate, due to augmented evaporation and the bigger capacity of holding moisture of hot air.

Among the possible causes of this increased rainfall rate we can find a bigger difference in atmospheric pressure between Sahara and the Atlantic Ocean, leading to more moisture-rich air moving eastwards. Other models include sea surface temperatures, or even high altitude winds, which disperse monsoon rains on the desert areas below.

Still, these observations and forecasts should be taken carefully, as Sahel also faced some of the most terrible droughts on Earth, which lead to terrible humanitarian emergencies in the latest decades. A greener Sahel is just one of the possible evolutions of the current situation.

Another extremely important aspect in the studies on the effects of climate changes is the possible evolution on human societies: a recent study by John O’Laughlin et al. (3) looked for a likely relationship between global warming and the conflict risk in Eastern Africa, showing that higher temperatures could raise the possibility of new violence.

Furthermore, the current global warming is caused by increased greenhouse gases in the atmosphere, a completely different starting point from the one of mid-Holocene: during this prehistoric period, in fact, the strong rainfall rate was most likely caused by low atmosphere pressure areas, generated by the European glaciers melting.

A well-known study on climatic change in Northern Africa from the Max Planck Institution (4) clearly stated that, even if a scenario in which parts of the desert become greener for global warming is plausible, it’s fairly unpredictable that these changes will lead to the lush vegetation of the mid-Holocene.

Changes on a wider scale

By the end of April 2014 a team of Stanford scientists communicated the results of a long study on computed climatic models (5), which stated that some weather systems on the Sahara desert should be intensified by the effects of global warming, bringing many changes on Earth scale, not just on regional areas.

These results confirmed that some parts of the southern Sahara could face a higher rainfall rate, but, on a wider scale, the well-known African Easterly Waves should also increase. These weather systems, also called AEWs, which form above northern Africa and travel east to west towards the Atlantic Ocean, should bring dramatic changes (6): they could influence the creation of stronger hurricanes in the mid-Atlantic Ocean, as well as uplifting and transporting dust out of Africa and across the sea, removing life-sustaining nutrients from the soil and also affecting rainfall and air quality as far away as the Caribbean islands. An animated gif from the Stanford study explains how this works.

Local policies

The Sahel belt covers the territories of many different countries. Even though the common policy showed by African representatives on International summits regarding global warming often stated that little help was provided by developed countries towards them, every nation had different ways to tackle climate change.

Cameroon, Chad, Niger and Nigeria: the drama of Lake Chad

In the latest four decades, the endorheic basin of Lake Chad, which represents one of the most important resources of freshwater in the four nations which include it (Nigeria, Niger, Chad and Cameroon), has faced a dramatic reduction, which led to huge environmental and social problems. Global warming is one of the main causes of the basin reduction, but not the only one: irrigation and river damming for hydroelectric purposes took their part in this process, but it’s the combined result of these different factors the actual cause to the dramatic situation nowadays. At the moment, the lives of fishermen and farmers who live along the shores of the basin are on the brink.

In the 1960s, a first draft of a recovery plan was proposed: the idea was to divert waters from the Ubangi river, the largest right-bank tributary of the Congo River, to the Chari River, which empties into Lake Chad. The aim was to reduce the basin shrinking, which was already taking place, helping local farming and fishing activities. In April, 2008, the Lake Chad Basin Commission (LCBC), an intergovernmental organization of countries near to Lake Chad, which coordinates actions that might affect its waters, advertised a request for a feasibility study on this project. In October 2010, at the opening of the African World Forum on Sustainable Development in N’Djamena, Chad, Nigerian President Goodluck Jonathan asked the leaders of the LCBC member countries to take action in order to save the lake, as still no common strategy has been decided to tackle the menace of its disappearance (7).

Ethiopia: a green economy strategy

As one of the most developing countries in Africa, Ethiopia is now taking action against global warming in an unprecedented way, merging its economic growth with a sustainable policy. The country’s Climate Resilient Green Economy Strategy (8), published by the Ethiopian Government led by Meles Zenawi in 2011, is clearly stating than all new carbon-free technologies will be involved in the modernization of the country led by the unprecedented economic growth of the last decade.

The focal points of this policy include improving crop and livestock production practices in order to gain food security and raise farmers’ incomes while reducing emissions, protecting and re-establishing forests and increasing green energy productions for local markets.

With this policy, the Ethiopian government aims to achieve middle-income status by 2025 in a carbon neutral way, trying to take action in fronting climate change events, which lead to dramatic changes in seasonal rains during the last years (9).

Kenya and Uganda: rediscovering traditional farming

Sub-Sahara environment, which is the borderline between human stable environments as cities and cultivated territories, will be the key area in which social problems should become harder; these events will also touch a great part of the population of the Muslim world. In particular, about 250 million Muslims live in these territories, and climate changes will be more evident there, as their transition state is particularly fragile.

Droughts, floods and hard increases in average temperatures will strongly damage the lives of the farmers, as the already arid environment in which they grow their crops should become unsuitable for farming in just few years. In order to get prepared to these events, farmers from Sub-Sahara – mainly from Kenya and Uganda – created a training manual (10), with helpful instructions based on traditional and sustainable Islamic farming, which should prevent the damages led by climate change. This should bring major food security in very poor regions, resuming precious advice from tradition.

Kenya: a traditional insurance for herders

Another huge group of people which is nowadays strongly affected by increasing droughts in these areas are Muslim herders. In order to help these people, an innovative humanitarian project, based on an ancient Islamic tradition, the “takaful”, has taken place in northern Kenya in the latest months. This is basically an insurance, suitable with the religious beliefs of the participants, in which a group of risk-sharing people sign a contract called “tabbaru”, collecting a specific amount which will be used for refunding damages caused by droughts or similar adversities (11).

This first experiment of an insurance compatible with Muslim beliefs could create a strong example for future social issues in herding and many other fields in all Islamic nations hit by the effects of climate change. At the moment, this first project seems to work efficiently, as the first refunds were paid to 101 herders in april 2014; this is a significant result, as the project doesn’t lead to any profit, being basically a humanitarian task.

What will the future be like?

So, how will the future climate of Sahara be? Scientists still do not agree. Some of them, as Haarsma et al (12), predict an increase in rainfall, leading to the rebirth of the savannah-like environment in the mid-Holocene in areas like Sahel, others, like the Intergovernmental Panel on Climate Change (13), say that at this moment the assessment is uncertain, others still figure a drier scenario, with decreased rainfall and a likely growing desertification on its surrounding areas.

The vastness of the territory involved and the huge amount of factors shaping its climate still lead to different interpretations, making the creation of an unique view on the future Sahara climate extremely difficult at the moment. Another huge study on Western Africa agriculture made by the International Food Policy Research Institute (IFPRI) (14) shows clearly the complexity of these issues, as many different aspects in both human societies and natural landscapes are involved. Furthermore, all different policies led by the several countries belonging to these areas will make harder to find a common way to face these problems.

By the way, monitoring the evolution of the environment in the next few decades will have a fundamental role in understanding how climate works on these regions, and how it will evolve and change the lifestyles of their people.

Life of humans and other organisms in Northern Africa, and most likely in many other parts of the world, will be strictly affected by the climate changes of the Sahara, so these studies will have a key role in the future, in order to develop valuable survival strategies.

image

 

References

  1. Martin Clausser and Veronica Gayler, “The greening of the Sahara during the mid-Holocene: results of an interactive atmosphere-biome model”, Global Ecology and Biogeography Letters, Vol. 6 No.5, September 1997, link
  2. James Owen, “Sahara Desert Greening Due to Climate Change?”, National Geographic News, July 31, 2009, link
  3.  John O’Loughlin, Frank D. W. Witmer, Andrew M. Linke,. Arlene Laing, Andrew Gettelman, and Jimy Dudhiab, “Climate variability and conflict risk in East Africa, 1990–2009”, Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, October 22, 2012, link
  4. Martin Claussen, Victor Brovkin, Andrey Ganopolski, Claudia Kubatzki, Vladimir Petoukhov, “Climate Change in Northern Africa: The Past is Not the Future”, Climatic Change, March 2003, Volume 57, Issue 1-2, pp 99-118;
  5. Ker Than, “Climate change to intensify important African weather systems, Stanford scientists say”, Stanford Report, April 29, 2014, link
  6. Christopher Bryan Skinnera and Noah S. Diffenbaugh, “Projected changes in African easterly wave intensity and track in response to greenhouse forcing”, Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, April 28, 2014, link
  7. Salkida A., “Africa’s Vanishing Lake: Action needed to counter an ecological catastrophe”.  07 03, 2012, Africa Renewal Online, link
  8. VV.AA., “Ethiopia’s Climate-Resilient Green Economy strategy, The path to sustainable development”, The Federal Democratic Republic of Ethiopia Environmental Protection Authority, 2011, link
  9. Senait Regassa, Christina Givey, Gina E. Castillo, “The rain doesn’t come on time anymore – poverty, vulnerability and climate vaiability in Ethiopia”, Oxfam International, April 22, 2010, link
  10. Pius Sawa, “Africa: New Manual Helps Africa’s Muslim Farmers Tackle Climate Change”, AllAfrica, April 6, 2014, link
  11. Samuel Mintz, “Insurance designed for Muslim herders makes first payout in Kenya”, Thomson Reuters Foundation, April 4, 2014, link
  12. Reindert J. Haarsma, Frank M. Selten, Suzanne L. Weber, and Michael Kliphuis, “Sahel rainfall variability and response to greenhouse warming”, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 32, September 10, 2005, Royal Netherlands Meteorological Institute, De Bilt, Netherlands, link
  13. Solomon, S., D. Qin, M. Manning, Z. Chen, M. Marquis, K.B. Averyt, M. Tignor and H.L. Miller (eds.), “Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, 2007”, Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA, 2007, link
  14. VV. AA, “Western African agriculture and climate change, a comprehensive analysis”, International Food Policy Research Institute, June 4, 2013, link