In arrivo la Notte Europea dei Ricercatori il 30 settembre

notteuropea16300x250

Torna anche quest’anno, per la sua undicesima  edizione, la Notte Europea dei Ricercatori: un evento, organizzato da Frascati Scienza e finanziato dalla Commissione Europea, per celebrare la scienza e il lavoro dei ricercatori. L’evento si terrà il prossimo venerdì 30 settembre dalle ore 15 fino all’una di notte, e sarà ospitato in oltre venti città differenti: Ancona, Roma, Frascati, Firenze, Sesto Fiorentino, Milano, Trieste, Genova, Modena, Ferrara, Napoli, Caserta, Palermo, Bari, Cagliari, Monserrato, Catania, Lecce,  Parma, Pavia, Reggio Emilia, Sassari, Carbonia, Cassino, Gorga, Grottaferrata, Monte Porzio Catone, Colleferro, Rocca di Papa e Santa Maria di Galeria.

Il tema dell’edizione di quest’anno sarà Made in Science, un argomento di stretta attualità visto un sempre più ampio contributo di scienza e tecnologia al rilancio economico del paese. Un contatto diretto tra ricercatori e grande pubblico è quindi fondamentale per comunicare l’importanza del lavoro dello scienziato e per sensibilizzare chi è esterno a questo mondo su quanto sia fondamentale per il futuro del pianeta.

E così, tra laboratori, giochi, interventi pubblici, il pubblico dell’evento potrà toccare con mano, vedere, sperimentare e capire su cosa stanno lavorando gli scienziati del XXI secolo e perché il loro lavoro è così fondamentale per il nostro futuro. Tra i tanti eventi della serata, segnaliamo la conferenza “La dinamica interna del nostro pianeta: dagli eventi alle catastrofi naturali” all’Università degli Studi Roma Tre, ISPRA, INFN Sezione Roma Tre, la conferenza/spettacolo “Ma che scienza c’è al cinema?” alla Casa del Cinema di Roma, un collegamento in diretta con la Missione Rosetta alle Mura del Valadier in via del Castello a Frascati e il laboratorio “Crash! Non far crollare l’Ecosistema! Il gioco degli equilibri ambientali” nella medesima location, dalle 17:30 alle 19.

Ma gli eventi saranno tantissimi, anche perché distribuiti su più di venti città. Nondimeno, saranno adatti a ogni genere di pubblico, compresi i bambini. Saranno inoltre distribuiti lungo tutto l’arco temporale della giornata del 30, fino a tarda serata. Per conoscere a fondo il programma, che è davvero ricco, conviene visitare la pagina dedicata.

Mentre per ulteriori informazioni si può consultare la pagina ufficiale dell’evento, ospitata sul sito di Frascati Scienza, a questo indirizzo.

Il 25 settembre è la Notte Europea dei Ricercatori

banner-700x300

Torna anche quest’anno, per la sua decima edizione, la Notte Europea dei Ricercatori: un evento, organizzato da Frascati Scienza e promosso dalla Commissione Europea, che celebra la figura del ricercatore e il suo lavoro. L’evento si terrà il prossimo venerdì 25 settembre, e sarà ospitato da ben dieci città diverse. Infatti, oltre alle sedi storiche di Roma e Frascati, si aggiungeranno anche quest’anno le città di Trieste, Bologna, Milano, Ferrara, Bari, Cagliari, Pavia e Pisa.

La parola chiave sarà la sostenibilità, un tema fondamentale per le nostre vite e per quelle delle generazioni che verranno, viste le risorse sempre più scarse del nostro pianeta e le esigenze sempre maggiori dell’Umanità che lo popola. In questo senso il lavoro dei ricercatori diventa assolutamente necessario per garantire che il nostro futuro sia, per l’appunto, “sostenibile”: stabile, con risorse rinnovabili, sicuro per tutti.

Dopo un crescente successo di pubblico, l’edizione del 2014 ha registrato il record di 50.000 visitatori, quindi per quest’anno le aspettative sono molto alte. E così, tra laboratori, giochi, interventi pubblici, il pubblico dell’evento potrà toccare con mano, vedere, sperimentare e capire su cosa stanno lavorando gli scienziati del XXI secolo e perché il loro lavoro è così fondamentale per il nostro futuro. Tra i tanti eventi della serata, segnaliamo “A qualcuno piace caldo…”, una conferenza-spettacolo dedicata ai cambiamenti climatici: a Frascati saranno l’ingegnere ambientale Stefano Caserini e il comico Diego Parassole a raccontarci cosa sta succedendo al clima del nostro pianeta. Sempre a Frascati avrà luogo “Una pizza, al gusto Scienza!”, un divertente incontro tra un chimico e un pizzaiolo per scoprire qual è il segreto che rende la pizza così buona.

Ma gli eventi saranno tantissimi, anche perché distribuiti su dieci città. Nondimeno, saranno adatti a ogni genere di pubblico, compresi i bambini. Saranno inoltre distribuiti lungo tutto l’arco temporale della giornata del 25, dalle nove di mattino fino a tarda serata. Per conoscere a fondo il programma, che è davvero ricco, conviene visitare la pagina dedicata.

Mentre per ulteriori informazioni si può consultare la pagina ufficiale dell’evento, ospitata sul sito di Frascati Scienza, a questo indirizzo.

 

Il futuro è sostenibilità: arriva la decima edizione della Notte Europea dei Ricercatori

manifesto web

Ormai si sta diffondendo l’opinione comune che la ricerca in Italia sia disastrata da mancanza di fondi, disinteresse delle istituzioni, carenza di giovani interessati a cimentarsi in carriere scientifiche; i pochi ragazzi disponibili a intraprendere un lavoro nel campo della scienza, secondo questa visione, preferirebbero abbandonare il paese pur di ottenere risultati concreti. Nulla di più approssimativo, se non sbagliato: se è vero che la crisi ha colpito pesantemente molti settori e quello della ricerca è sicuramente uno di questi, è anche innegabile che l’Italia possa comunque vantare tantissime eccellenze in campo medico, ingegneristico, fisico e in molti altri settori del sapere scientifico. Il vero problema è il distacco della figura del ricercatore dal sentire comune del pubblico: è vista come una sorta di mente superiore, diversa dalle altre professioni e in costante lotta con le difficoltà economiche e con la mancanza di infrastrutture. Per far capire al grande pubblico che, in realtà, i ricercatori sono persone assolutamente normali, con pregi e difetti e ma anche con un lavoro particolarmente interessante da raccontare, ecco spiegato il successo dei grandi festival di comunicazione scientifica che celebrano il loro lavoro.

Tra questi eventi, uno in particolare è dedicato a queste figure: si tratta della Notte Europea dei Ricercatori. Il progetto, finanziato dalla Commissione Europea e coordinato da Frascati Scienza che, insieme all’evento stesso, festeggia quest’anno il decimo anniversario, presenta per il 2015 circa 200 eventi di comunicazione scientifica, che avranno luogo nel corso della settimana della scienza.

La notte avrà luogo il 25 settembre, e verrà ospitato, oltre che nelle sedi storiche di Roma e Frascati, anche a Trieste, Bologna, Milano, Ferrara, Bari, Cagliari, Pavia e Pisa, per un totale di dieci città coinvolte, con eventi pubblici, conferenze, laboratori, giochi scientifici.

La parola chiave per il 2015 sarà la sostenibilità, ossia la capacità di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza intaccare le risorse di quelle future. Una sfida che riguarda l’urbanistica, l’agricoltura, il commercio e la ricerca scientifica in quasi ogni suo settore.

L’evento lancio si avrà a Roma il 20 settembre e si chiamerà “The Science Pursuit”: una sorta di Trivial Pursuit scientifico che coinvolgerà centinaia di partecipanti con le domande scientifiche più disparate.

Una lunga lista di eventi è disponibile per ogni tipo di palato: tanti sono quelli più adatti agli appassionati, ma non mancano certo laboratori e giochi idonei per bambini e famiglie al completo. Per avere una panoramica completa si può visitare il sito dell’Associazione Frascati Scienza (www.frascatiscienza.it) o la pagina dedicata.

Il programma completo dell’evento è invece visionabile a questa pagina.