Lasciate stare i credenti

SONY DSC

Frans de Waal

(Precisazione forse superflua, ma che nel dubbio è meglio fare: chi scrive è un agnostico con una forte propensione all’ateismo, ma questa posizione, ai fini di quanto contenuto nel post che segue, è del tutto irrilevante)

Ne ha parlato diffusamente Frans de Waal in un suo intervento su Salon.com (che poi in realtà intervento non era, si trattava di un breve estratto del suo libro Il bonobo e l’ateo), in cui, molto semplicemente, si era chiesto se alcune nuove forme di ateismo militante rischiassero di diventare religione a sé stante. Insomma, combattere i dogmatismi con un atteggiamento a sua volta dogmatico.

Ovviamente la polemica, tra commenti e risposte via blog, articoli e social network, non si è fatta attendere, soprattutto da parte di chi pensa che si debba abbracciare un atteggiamento bellicoso nei confronti della religione, forse in risposta a una presunta ostilità delle istituzioni ecclesiastiche nei confronti della comunità scientifica. Della gran parte delle risposte alla questione, tra l’altro, ben poche erano strettamente attinenti ai contenuti del pezzo, forse a testimoniare il fatto che molte persone si rapportano al dibattito scienza-religione con un atteggiamento decisamente aggressivo. Alla fine, per chiarire la situazione, de Waal ha dovuto fare un altro intervento in cui ha spiegato che in realtà il suo libro parla solo in minima parte di queste tematiche, mentre si dedica molto di più a domandarsi se la religiosità, e in termini anche più ampi la moralità, possa avere radici evoluzionistiche. Questo perché atteggiamenti di empatia, di solidarietà e di compassione si possano incontrare in molti animali, come le scimmie superiori o gli elefanti. Insomma, di “guerre di religione” tra atei e credenti non ne vuole sentir parlare.

E come dargli torto? Sebbene – parere personale – il libro in sé mi sia sembrato piuttosto noiosetto e anche ridondante in alcune parti (forse per troppe derive filosofiche), il succo della questione è ineccepibile: gli scienziati devono fare gli scienziati, occuparsi dei fatti, non perdersi in inutili zuffe con i credenti, soprattutto con quelli che ritengono che il loro lavoro sia una minaccia (ad esempio i Creazionisti). E questo non perché si debba essere convinti per forza che scienza e religione possano coesistere (anzi), ma per il semplice fatto che se si vogliono intavolare discussioni scientifiche i propri interlocutori devono ragionare in maniera ugualmente scientifica: per sostenere le proprie tesi devono utilizzare prove replicabili, verifiche a doppio e triplo cieco, metodo galileiano, revisione paritaria, quelle robe lì che tanti non conoscono o non capiscono quando provano a parlare di Scienza. Quindi, visto che, spesso e volentieri, si ragiona su due piani diversi, a cosa servono queste polemiche?

Ma non c’è nulla di nuovo sotto il sole, in fondo. Qualche tempo fa la pagina facebook di Le Scienze ha rispolverato un vecchio e lunghissimo articolo che attaccava (a ragionissima, per carità) le convinzioni dei Creazionisti. In breve si è scatenato il pandemonio, con migliaia di commenti (alcuni particolarmente inviperiti) di chi vedeva questo come un attacco non all’antiscientificità di alcune posizioni, ma alla religione presa nel suo insieme. Testimonianza chiarissima di un nervo scoperto sull’argomento, perlomeno in una buona fetta di pubblico. E la cosa divertente, in questo caso, era che l’articolo in sé non era antireligioso, ma spiegava i fatti che ci sono alla base dell’evoluzionismo: erano semplici repliche a chi contesta i dati a sostegno della visione di Darwin.

Non mi sembra che ci sia bisogno di raccontare tutte le continue, pedanti, stucchevoli, superflue uscite di Richard Dawkins in attacco ai credenti: ormai
da un paio di decenni la sua attività (peraltro brillantissima) di biologo è passata in secondo piano rispetto al suo lavoro a supporto di questo Nuovo Ateismo, militante e gratuitamente attaccabrighe. Una sorta di scuola di pensiero che, invece di attaccare le pseudoscienze o le posizioni antiscientifiche in generale, punta il dito verso l’intero mondo della religione e dei credenti, nella speranza di, boh? Illuminarli su cose che non conoscono? Far loro abbandonare le loro convinzioni? Offenderli e basta?

(avete presente quei settantenni che cercano di fare i giovani a tutti i costi e finiscono col dire, fare e, in certi casi, indossare cose ridicole? Ecco.)

Di livello ancora più basso le uscite di Piergiorgio Odifreddi, il matematico cuneese che, senza neanche avere lo spessore scientifico e la carriera di Dawkins alle spalle, sembra aver preso di punta chiunque difenda anche solo in parte l’operato della Chiesa Cattolica, o delle religioni in generale. Il che è un problema mica da poco, visto che spesso tratta argomenti importantissimi come la laicità dello Stato o determinati temi di bioetica (che andrebbero difesi a spada tratta da tutti, mica solo dagli atei) per attaccare in blocco tutti i credenti, persino quelli che la pensano come lui. E in questa sua personalissima crociata contro qualche miliardo di persone, il nostro eroe non lesina toni frequentemente arroganti (e talvolta persino offensivi) verso i suoi oppositori. Trattandosi di una persona affetta da “Sindrome di Fonzie“, ovvero l’incapacità di ammettere di avere torto anche solo parzialmente (e in questo è in effetti molto simile a Dawkins), spesso finisce col produrre uscite di una crudezza e insensibilità tali che riesce a infastidire persino gli atei più convinti. Ad esempio, facendo elucubrazioni pseudofilosofiche sulla morte di una persona. Forse in certi casi non è neppure il buonsenso a rendersi necessario, ma proprio il buon gusto.

PIERGIORGIO ODIFREDDI MATEMATICO UNIVERSITA' DI TORINO CORNELL UNIVERSITY

dicevamo…

Beh, il punto è che si sta rischiando di utilizzare singoli elementi di discussione (talvolta importantissimi) per attaccare miliardi di persone solo per la loro religiosità. Un conto è prendersela con chi è convinto che l’evoluzione non esista, decisamente un altro offendere chi crede semplicemente “perché crede”. Esattamente che senso ha un atteggiamento del genere? Gli scienziati non dovrebbero solamente fornire dati certi e verificati con cui poi l’uomo comune potrà farsi la propria idea sul mondo? È necessario che gli insegnino anche come devono vederlo?
E questo è solo uno degli aspetti della questione. Un altro può essere, molto semplicemente, l’impossibilità di instaurare una discussione insultando i propri interlocutori: le persone si rispettano, casomai sono le idee che vanno attaccate. È una semplicissima regola della retorica, vecchia di migliaia di anni e che sarebbe il caso di ricordarsi sempre. E inoltre è controproducente: cosa si spera di ottenere? Le discussioni non si “vincono”, soprattutto su tematiche del genere. O, come avevo scritto sempre su questo blog, si è in malafede e si cerca solo la zuffa per ottenere notorietà spicciola, oppure si combatte una battaglia contro i mulini a vento. Se volete convincere il vostro pescivendolo a diventare un macellaio questo vi risponderà molto, ma molto male: è una questione  di invasione di spazi personali. Se invece fate un tranquillo, lento e pacifico lavoro di informazione sui vantaggi per cui vendere carne è più bello, proficuo e gratificante di vendere pesci, forse (ed è un forse bello grande), dopo anni e anni il vostro amico cambierà finalmente settore merceologico. Ma ne vale davvero la pena?

Annunci

The Lazarus syndrome, ovvero il ritorno dei mai-estinti

Una brulla, arida e frastagliata colonna di roccia alta oltre cinquecento metri si erge, imponente e solitaria, dalle acque del Pacifico, a circa seicento chilometri a est delle coste australiane. Questo isolato sperone di roccia prende il nome di Ball’s pyramid, la piramide di Ball. Si trova all’incirca a metà strada tra Australia e Nuova Zelanda, nel Mar di Tasman e, grazie ai suoi 562 metri di quota raggiunti dalla sua vetta, detiene il primato di faraglione più alto del mondo.

Ma non è per questo insolito record che Ball’s pyramid è conosciuta in tutto il mondo. Qui, nel febbraio 2001, i due scienziati australiani David Priddel e Nicholas Carlile, insieme ad altri due compagni di viaggio, si avventurarono sulle sue ripidissime pareti nella speranza di rinvenire un piccolo tesoro ritenuto ormai perduto da decenni.

L’obiettivo della ricerca non era ritrovare una gemma preziosa, bensì un organismo vivente: la cosiddetta “aragosta di terra”, in realtà un insetto dell’ordine dei Fasmidi, l’insetto stecco dell’isola di Lord Howe (Dryococelus australis), animale dalle dimensioni sorprendenti (fino a 25 grammi di peso e 15 centimetri di lunghezza), ritenuto estinto dal 1920. La sua scomparsa era stata causata dall’arrivo dei ratti neri sull’isola, che non avevano avuto difficoltà a predare l’insetto, lento e non abituato a questo tipo di predatori. L’arrivo dei roditori era indirettamente legato all’uomo: infestavano la nave da rifornimenti Makambo, e invasero rapidamente l’isola in seguito al suo arenaggio.

Questo insetto in effetti era una specie esclusiva dell’isola da cui prende il nome, un affascinante polo di straordinaria biodiversità, distante pochi chilometri dal desolato faraglione di Ball’s pyramid, dove, oltre all’insetto gigante, si possono tuttora incontrare molti altri endemismi, tra cui circa metà delle specie di piante presenti e un uccello incapace di volare (caratteristica tipica di molte specie insulari), il rallo di Lord Howe (Gallirallus sylvestris).

I due scienziati australiani si avventurarono sulle ripide pareti del faraglione, spinti dalla speranza di ritrovare ancora qualche esemplare vivente. Nel 1964 alcuni scalatori avevano trovato su Ball’s pyramid il resto di un esemplare ormai essiccato da tempo e cinque anni dopo ne erano stati rinvenuti altri due. Questi ritrovamenti casuali davano ancora una flebile speranza a Priddel e Carlile, sebbene fosse estremamente improbabile ipotizzare la presenza di un insetto vegetariano, tipico abitante del sottobosco, in un ambiente così arido e inospitale.

L’ascesa fu improduttiva, se non per il rinvenimento di un piccolo crepaccio nella roccia, a circa 70 metri di quota, popolato da una fitta vegetazione dove era presente un unico arbusto di Melaleuca, habitat ideale dell’animale; al ritorno al campo base un’intuizione di David Priddel fu però fondamentale: l’insetto stecco era un animale notturno, bisognava pertanto ritornare in quella piccola oasi nel pieno della notte. Così venne fatto, e il sorprendente rinvenimento di circa trenta esemplari, questa volta vivi, tutti assiepati sotto quell’unico arbusto, tramutò la spedizione in un autentico successo. In breve, grazie al grande clamore suscitato dalla scoperta, venne dato il via a un programma di conservazione e recupero della specie, definita “l’insetto più raro del mondo” dai media, che è tuttora in atto. Dopo anni di tentativi, a partire da pochissimi esemplari prelevati con la massima cura dal faraglione, gli insetti stecco giganti si sono ora riprodotti con successo in cattività sia in Australia (a Melbourne e Sydney), sia nello zoo di San Antonio in Texas, ed è ora in corso un programma di reintroduzione nella loro isola originaria in un ambiente controllato, insieme all’avanzamento di un programma di eradicazione del ratto nero.

Le sorprendenti vicissitudini del fasmide ci offrono lo spunto per scoprire quei rari casi in cui, secondo la cosiddetta Lazarus syndrome, alcune specie ritenute ormai estinte vengano riscoperte in natura. I casi sono pochi ma possono aiutarci a tenere accesa la fiammella della speranza, sia per quelle specie di cui ormai si è persa traccia, sia per quelle ancora esistenti, ma a un passo dall’estinzione.

Un altro esempio recente è dato dal “ferreret” o rospo delle Baleari (Alytes muletensis), descritto e identificato sulla base di resti fossili nel 1977, e ritenuto estinto fino a due anni dopo, quando alcuni animali vivi vennero riscoperti in aree particolarmente impervie di Maiorca, isola di cui è endemico. Anche in questo caso, un programma di recupero in cattività e reintroduzione sull’isola ha condotto al recupero della specie, ora considerata come “vulnerabile” dalla Lista Rossa IUCN, elenco che raccoglie le informazioni sullo stato di conservazione di animali e vegetali di tutto il mondo.

Da non dimenticare il petrello di Madera (o petrello di Zino, Pterodroma madeira), ritenuto uno degli uccelli più rari d’Europa, endemico dell’isola portoghese di Madera e riscoperto nel 1969 dopo che per quasi trent’anni se ne erano perse quasi totalmente le tracce e che ora è rigidamente protetto e costantemente monitorato, e la wollemia (Wollemia nobilis), una conifera della famiglia Araucariacee, di cui si conoscevano solamente esemplari fossili e che fu riscoperta nel 1994 in un remoto canyon del Wollemi National Park, nel Nuovo Galles del Sud in Australia, dal guardaparco David Noble, da cui prese il nome. Prima di allora, le uniche tracce conosciute di questa pianta erano resti fossili risalenti a circa novanta milioni di anni fa. Un sorprendente programma di commercializzazione e distribuzione dei semi, con lo scopo di finanziare autonomamente il recupero della specie in natura, ha condotto al salvataggio di una pianta che era sull’orlo dell’estinzione con soltanto un centinaio di esemplari, e che rappresentava, e rappresenta tuttora, un incredibile esempio di fossile vivente, ossia di specie rimasta immutata (o quasi) per milioni di anni.

Ma il caso più conosciuto di specie ritornata dal mondo dei “non-estinti” è, senz’ombra di dubbio, il celacanto, ultimo rappresentante della più antica linea evolutiva di pesci conosciuta, risalente addirittura al Devoniano, circa 390 milioni di anni fa.

L’animale venne scoperto nel 1938 dalla curatrice del museo di East London in Sudafrica Marjorie Courtenay-Latimer, in mezzo al raccolto di alcuni pescatori locali. Non ritenendola ascrivibile a nessuna specie conosciuta, mostrò l’esemplare ormai imbalsamato al professor James Leonard Brierley Smith, che lo identificò come il celacanto, una specie conosciuta soltanto in forma fossile, ritenuta estinta dal Cretaceo. Dalla sua scopritrice e dal luogo del ritrovamento (la foce del fiume Chalumna, nell’Oceano Indiano) prese il nome scientifico, essendo chiamato Latimeria chalumnae. Oggi nella sala centrale del Museo di Storia Naturale di Londra fanno bella mostra di sé due esemplari di celacanto, uno fossile e vecchio di milioni di anni, l’altro pescato nel 1960.

In realtà sarebbe più corretto parlare di “celacanti” al plurale, dato che in tempi recenti (1999) è stata identificata una seconda specie, chiamata Latimeria menadoensis, il celacanto indonesiano, distinta dalla prima specie, il celacanto delle Comore.

Nonostante i severi regolamenti di conservazione e l’incredibile notorietà portata dalla sua riscoperta, il celacanto, essendo spesso vittima di battute di pesca che hanno come obiettivo ben altre specie, è tuttora in grave rischio: Latimeria chalumnae è gravemente minacciato, mentre Latimeria menadoensis è ritenuto vulnerabile dall’IUCN. Il motivo è presto detto: l’impoverimento dei mari e il conseguente spingersi delle reti dei pescatori verso acque sempre più profonde, mai raggiunte in passato, colpisce in pieno l’habitat del celacanto, pesce che vive abitualmente oltre i cento metri di profondità.

Una testimonianza viva e profonda di come sia possibile modificare la natura fino a colpire gravemente anche specie note al grande pubblico e fortemente tutelate, ma anche di come sia sempre necessario tenere duro fino all’ultimo: per recuperare una specie dal baratro dell’estinzione bastano a volte pochissimi esemplari, persino, in certi rari casi, quando è stato persino superato il confine della stimata MVP (Popolazione Minima Vitale), sotto la quale, teoricamente, nessuna specie può sopravvivere. Un promemoria da tenere sempre a mente, per ricordarci che gli sforzi per conservare le specie che popolano il nostro pianeta non sono mai inutili.

Le sfortunate vicende di Gideon Mantell, “papà” dei dinosauri

ATTENZIONE: questo post riprende parte del quarto capitolo del mio nuovo libro “Alla scoperta della vita – le grandi rivoluzioni delle scienze naturali”. Per ulteriori informazioni, clicca qui.

image

Chi più chi meno, tutti gli appassionati di paleontologia conoscono a menadito la storia geologica delle più grandi (in tutti i sensi) mascotte della loro disciplina, i dinosauri: dalle specie più celebri agli stili di vita, dai ritrovamenti più belli alle teorie sulla loro estinzione. Quello che invece in pochi hanno avuto modo di approfondire è la loro storia su scala umana, ovvero tutte quelle vicissitudini che condussero alcuni scienziati e collezionisti, nei primi decenni del XIX secolo, a identificare per primi questi organismi tra i giacimenti fossili, con tutte le implicazioni connesse. Gli eventi legati a questo periodo della storia della paleontologia sono fondamentali per il successivo sviluppo delle scienze della vita, perché hanno scosso alle fondamenta il pensiero e le convinzioni di gran parte dei naturalisti e geologi dell’epoca.

image

Gideon Algernon Mantell (1790-1852)

Lo sfortunato protagonista di questi eventi fu Gideon Algernon Mantell che, nonostante il suo ruolo fondamentale nell’identificazione di questo nuovo gruppo tassonomico, a causa del suo “dilettantismo” e soprattutto della sua ingenuità fu vittima di soprusi e per lungo tempo non ricevette il giusto credito da parte della comunità scientifica. Ma andiamo per ordine. Mantell nacque a Lewes, Sussex, nel 1790, figlio di un calzolaio discendente da una nobile famiglia inglese decaduta. Sin da giovane ebbe una grande passione per la geologia e lo studio dei fossili, in particolare trilobiti, che cercava regolarmente tra le cave e le formazioni geologiche dell’Inghilterra meridionale. dopo la morte del padre, avvenuta nel 1807, grazie a una piccola somma messa da parte poté dedicarsi agli studi in medicina a Londra, per poi dedicarsi ad una brillante carriera di medico di campagna nella sua natia Lewes. Sebbene le sue competenze mediche fossero vaste, la sua specialità era l’ostetricia: in un periodo storico in cui, mediamente, morivano 14 donne ogni 1000 parti, Mantell perse soltanto due pazienti nel corso di tutta la sua carriera, in cui aiutò oltre 2400 madri a partorire. Grazie ai guadagni provenienti dalla sua professione, riuscì ad acquistare una villa in cui realizzò un piccolo museo dedicato alla sua collezione di fossili, che continuava ad accrescersi. Il poco tempo lasciato libero dal suo lavoro, principalmente le ore notturne, veniva dedicato agli studi di geologia e paleontologia. Grazie all’influenza di James Parkinson (scopritore dell’omonimo morbo), Mantell mise in dubbio le stime sull’età della terra, al tempo ritenuta di poche migliaia di anni. Inoltre, nei primi decenni dell’Ottocento, tutti i fossili provenienti da giacimenti del Cretaceo inglese erano marini: l’unico rettile fossile di grandi dimensioni conosciuto al tempo era l’ittiosauro, scoperto nel 1811 a Lyme Regis in Dorset dalla collezionista Mary Anning. Mantell prese accordi con la cava di Whiteman’s Green, vicino a Cuckfield nel West Sussex, risalente al Cretaceo Inferiore, per farsi inviare tutti i fossili scoperti accidentalmente negli scavi. E tra questi vi era l’indubbia presenza di ambienti terrestri e d’acqua dolce, che ribattezzò gli strati della Foresta di Tilgate.

image

I denti di iguanodonte scoperti da Mantell

Iniziò a collezionare ossa di grandi animali. Tra queste vi fu il suo più grande contributo alla storia della paleontologia: un dente di grandi dimensioni appartenuto a un gigantesco rettile erbivoro, qualcosa di assolutamente sconosciuto all’epoca. Mantell nel 1822 pubblicò il suo primo libro,The Fossils of South Downs or Illustrations of the Geology of Sussex, dedicato a queste scoperte, che ottenne un discreto successo (quattro copie vennero anche ordinate dal Re Giorgio IV). Il trattato, così come tutte le sue prime opere, venne realizzato in un’edizione particolarmente lussuosa e costosa (l’equivalente di 1000 dollari attuali a volume). Mantell intuì che se voleva aumentare sensibilmente le vendite doveva puntare a un pubblico un po’ meno d’élite. Più avanti nella sua carriera realizzò così libri dal costo ben più limitato. In ogni caso, incoraggiato dal successo iniziale della sua opera e dall’aiuto del suo amico geologo Charles Lyell, Mantell fece esaminare il dente fossile dal grande anatomista francese Georges Cuvier, la massima autorità a quell’epoca nel campo, che però lo attribuì erroneamente a un rinoceronte.

image

Georges Cuvier (1769-1832)

A tarpare le ali dell’entusiasmo del medico-paleontologo fu poi la Geological Society di Londra, i cui membri non furono convinti della sua interpretazione del reperto. Forse anche la formazione scientifica da autodidatta di Mantell, che quindi godeva di scarso prestigio negli ambienti accademici, fu la causa di questo disinteresse. Nonostante la fatica, le grandi spese sostenute e le delusioni subite, la forza delle sue convinzioni superò le avversità: Mantell ripropose un paio di anni dopo, nel 1824, nuovi reperti provenienti dallo stesso strato roccioso a Cuvier, che a questo punto ammise di buon grado il proprio errore, confermando che si trattava indubitabilmente di parti di un rettile. Nello stesso anno, Mantell si prese la rivincita anche sulla Geological Society, presentando la lettera in cui il luminare francese ammetteva pubblicamente il suo sbaglio.

image

Una ricostruzione dello scheletro dell’iguanodonte realizzata da Mantell

Mantell diede al rettile il nome di Iguanodonte (“dente d’iguana”), e, non appena ebbe sufficienti evidenze fossili, ipotizzò una sua struttura del corpo che oggi sappiamo essere corretta, con gli arti anteriori molto più corti dei posteriori. Nello stesso anno il teologo e paleontologo William Buckland identificò e descrisse scientificamente il Megalosauro, a cui fu lo stesso Mantell a dare il nome scientifico, dedicato al suo scopritore, nel 1827: Megalosaurus bucklandii.

image

Ricostruzione ottocentesca di Megalosaurus

Con il riconoscimento delle sue scoperte, arrivò anche un discreto successo: Notice on the Iguanodon, a Newly Discovered Fossil Reptile, from the Sandstone of Tilgate Forest, in Sussex, pubblicato nel 1825, fu letto pubblicamente in una riunione della Royal Society, di cui Mantell fu eletto Fellow. Nel 1833 Mantell decise di trasferirsi da Lewes a Brighton per trovarsi “nel cuore dell’azione”. Mai scelta fu più sbagliata. Il lavoro di medico gli aveva assicurato una vita più che dignitosa, che gli consentiva anche di pagare gli operai che di volta in volta gli procuravano i fossili. Con il trasferimento, Mantell avrebbe dovuto procurarsi nuovi clienti, ma, nella sua prima conferenza pubblica, commise due gravi errori: prima assicurò i medici locali che non sarebbe stato un loro concorrente, poi affermò, di fronte a potenziali nuovi pazienti, che le sue ricerche non lo avrebbero distolto dal suo lavoro di dottore. In breve le sue finanze andarono in grave crisi e, per pagare i propri debiti, la sua villa venne trasformata in un museo pubblico, con biglietto di ingresso di uno scellino, cifra altissima per l’epoca. Anche la situazione familiare precipitò: prima Mantell fu lasciato dalla moglie Mary Ann nel 1839, stesso anno in cui il figlio Walter emigrò in Nuova Zelanda, dalla quale in seguito gli avrebbe inviato fossili di grande valore. L’anno dopo morì la figlia Hannah. A tutto questo si sommarono gravi problemi di salute. Nel 1841 infatti Mantell cadde dalla propria carrozza, rimanendo intrappolato nelle redini e venendo trascinato al suolo. Come risultato, ebbe una grave lesione alla spina dorsale, che gli causò dolori costanti per il resto della sua vita. Ciononostante, Mantell proseguì nei suoi studi con la caparbietà che aveva contraddistinto tutta la sua carriera.

image

Richard Owen (1804-1892)

È fondamentale a questo punto introdurre un’altra figura cruciale nella paleontologia inglese di quegli anni: Richard Owen. Egocentrico e ambizioso, Owen era un brillante paleontologo (è lui l’ideatore del termine “dinosauro”), ma era anche visto come un personaggio odioso e ampiamente controverso, ad esempio per la violenza con cui si oppose alle teorie di Darwin. Owen tenne sempre un atteggiamento ostile nei confronti di Mantell, opponendosi a gran parte delle sue teorie e cercando di sminuire le sue scoperte. Non perdeva mai occasione di sottolineare la scarsa formazione scientifica, da autodidatta, del medico di campagna. Owen aveva gioco facile in tal senso: a differenza del suo rivale, era benestante e aveva una brillante carriera accademica in corso, grazie anche al matrimonio con la figlia di un suo professore. Oltre ad aver litigato pubblicamente con Mantell sui dinosauri ma anche su molti altri fossili, attribuì a se stesso e a Cuvier la scoperta dell’iguanodonte, cercò di impedire alla Royal Society di conferirgli la Royal Medal e di pubblicare molte sue ricerche, in modo tale da attribuirsene il merito. Nel 1851 arrivò al punto di visionare di nascosto i disegni di un nuovo dinosauro che Mantell avrebbe dovuto presentare alla Geological Society e, sfruttando un rinvio della conferenza, pubblicò la scoperta, attribuendosene il merito, su un’altra rivista. Alla fine, Owen venne allontanato dalla Royal Society con l’accusa di plagio, ma ormai il danno era fatto. Per Mantell la morte arrivò nel 1852, in seguito a un sovradosaggio di oppiacei, che prendeva regolarmente per lenire i dolori alla schiena. Ma l’accanimento di Owen non si placò neppure in seguito alla scomparsa del suo rivale: la grande collezione di oltre 20000 fossili, costata decenni di sacrifici, venne acquistata dallo stesso Owen, che la smembrò tra donazioni e scambi con altri musei. Acquistò anche la spina deformata di Mantell, in modo che venisse esposta al Royal College of Surgeons. Fu addirittura accusato di essere l’autore di un necrologio in cui Mantell veniva descritto come uno scienziato mediocre che nella vita non aveva conseguito nessun successo significativo. Per fortuna, nonostante la malvagità e l’accanimento del suo rivale, la memoria di Gideon Mantell è rimasta intatta, così come l’eredità lasciata dal suo monumentale lavoro di ricerca. All’epoca della sua morte era accreditato della scoperta di quattro degli allora cinque generi conosciuti di Dinosauri, e, oltre all’iguanodonte, identificò per primo anche il brachiosauro, insieme a innumerevoli altre specie di vertebrati e invertebrati. Fu anche il primo a teorizzare, a ragione, l’esistenza di forme di vita su antichissime rocce risalenti al Precambriano, ai suoi tempi ritenute troppo antiche per portarne traccia. Per chi volesse ripercorrere nel dettaglio la drammatica epopea di Mantell, Owen e degli altri pionieri dello studio dei dinosauri, due opere imperdibili sono il libro di Deborah Cadbury “Cacciatori di dinosauri. L’acerrima rivalità scientifica che portò alla scoperta del mondo preistorico”, pubblicato da Sironi editore nel 2004 e un film per la tv realizzato da National Geographic nel 2002, intitolato sempre The dinosaur hunters.

image

La sindrome di Masterchef

image

Lo spirito, e al tempo stesso il segreto del successo di Masterchef, il programma in cui tre “big” nel campo della ristorazione giudicano, non lesinando insulti e cattiverie, il lavoro e le ricette di cuochi inesperti, mi ricorda in qualche modo l’andazzo della divulgazione scientifica in questi ultimi anni in Italia.

Tra le nuove leve di questo difficile campo si sta infatti rapidamente diffondendo una cattiva abitudine: quella della caccia alla zuffa per tirar su clic e notorietà spicciola. Alcuni argomenti triti, ritriti e straritriti che continuano a imperversare tra gran parte di siti, blog, portali di informazione scientifica e pure molte riviste cartacee del settore sembrano infatti una fonte inesauribile di polemiche, che si traducono inesorabilmente in clicks, condivisioni sui social, chiacchiere virtuali di vario stampo, che in più di un’occasione sembrano mirate ad attirare un pubblico diverso da quello abituale.

Ci sarà della malafede dietro? La voglia di ottenere facile fama parlando di argomenti che interessano il grande pubblico? Diventare una sorta di rockstar della divulgazione?

Non lo so, certo è che, per quanto mi riguarda, da appassionato fruitore di divulgazione scientifica online credo di aver sbattuto la faccia, in quest’ultimo anno, in almeno cinquanta articoli dediti a spiegare che le scie chimiche sono una frescaccia, il tutto senza mettermi a fare apposite ricerche sul tema. Mi sembra che presso il pubblico che ama la scienza l’argomento sia ampiamente esaurito, e da anni. Perché parlarne ancora? Quello zoccolo duro di complottisti ben difficilmente cambierà idea, anzi vi farà perdere un sacco di tempo a rispondere ai loro commenti provocatori, e il popolino, il grande pubblico, quello in buona fede che non ha mentalità scientifica, beh, quello, molto brutalmente, non legge il vostro blog: fatevene una ragione, non ci va, non lo conosce e non gli interessa. Legge La Repubblica e guarda il Tg1, e quell’infarinata di scienza terra terra che raramente questi organi di informazione popolare gli propinano è ben di più di quanto loro vogliano realmente conoscere.

Idem come sopra per altri argomenti caldi come i legami vaccini-autismo, la sperimentazione animale, gli OGM, le pseudoscienze. Realmente pensate che il pubblico del vostro podcast o del vostro blog di chimica o di biotecnologie voglia ancora sentirsi raccontare di come Stamina sia inefficace e Vannoni un imbroglione? O che il link vaccini-autismo non esista? O che le scie chimiche sono una vaccata? Davvero le scie chimiche? Ancora ne volete parlare?

Le possibilità, a questo punto, sono due: o siete in buona fede, avete sentito la chiamata della Somma Divinità della Divulgazione che vi ha detto di far finalmente capire ai vostri trenta lettori abituali che gli OGM sono sicuri anzichenò utili e volete fare vera e onesta comunicazione scientifica con l’unico interesse di essere d’aiuto, non importa se in minima misura, alla comunità di cui anche voi fate parte, oppure siete in malafede, e sperate che parlando di questi argomenti i vostri trenta lettori abituali diventino trecento, o meglio tremila, o che, perlomeno, qualche direttorone di qualche rivistona vi noti e dica tra sé e sé “cavoletti, questo sì che è un ragazzo con gli attributi!”.

E purtroppo, mi viene da sospettare che nella stragrande maggioranza dei casi la seconda ipotesi, quella più cinica ed egoista, sia anche quella corretta. A dimostrazione di questo, qualche mese fa, quando facebook, forse il principale vettore di autopromozione online (perlomeno in Italia), ha dato un bel giro di vite alla visibilità dei post non sponsorizzati facendo crollare le visualizzazioni, ho notato una lunga lista di lamentele, soprattutto da chi affrontava regolarmente le tematiche di cui sopra. La controprova potrebbe arrivare da altre tematiche, come i climate deniers o il creazionismo, che attualmente vanno per la maggiore nei paesi anglosassoni, ma “tirano” molto di meno alle nostre latitudini. Dovessero cominciare ad interessare grosse fette di pubblico anche in Italia, scommetto che bloggers e divulgatori non parlerebbero d’altro che di scioglimento di ghiacciai e dei nostri antenati scimmieschi, ma forse non sarebbe questo gran bene.

Ma voi mi verrete a dire: “ok, ma alcuni argomenti, tipo Stamina, i vaccini o la sperimentazione animale, sono assolutamente attuali ed è importante parlarne”. Verissimo, ma il vostro pubblico abituale, come detto, è già orientato verso le vostre posizioni, che sono ragionevolmente basate sul metodo scientifico, quindi è ben difficile che facciate nuovi proseliti. Forse vi interessa più far vedere “da che parte state”. Beh, il più delle volte la vostra posizione, anche su argomenti che non trattate mai, è chiarissima, non fatevi tutti questi problemi.

E se invece volete parlare dell’utilità della sperimentazione animale con un antispecista, per il semplice gusto di avere un confronto aperto e faccia a faccia con chi la pensa diversamente da voi, in tal caso state nuovamente sbagliando, perché il vostro interlocutore non utilizza argomentazioni scientifiche ma filosofiche, o pensa di utilizzare argomentazioni scientifiche ma il più delle volte non lo sta facendo realmente, e quindi il dibattito non avrà mai un punto di incontro, e forse neanche di avvicinamento.

E, giusto per la cronaca, anche i non pochi articoli usciti ultimamente su come il dibattito scientifico non debba prevedere la par condicio tra gli interlocutori, soprattutto se questi non hanno preparazione scientifica, e di come scienza e opinioni non vadano sullo stesso piano, mi hanno tirato fuori nient’altro che uno sbuffo e un annoiato “ancora?!”

Insomma, morale della favola, se il vostro blog sul comportamento degli scimpanzé tira su venti visualizzazioni per post, o il vostro forum sul magico mondo della PCR ha ben cinquanta iscritti, siatene felici e godeteveli, perché molto probabilmente questi numeri sono generati da veri appassionati che apprezzano il vostro lavoro e lo leggono con interesse, ancora meglio se parlate di argomenti di nicchia che non tratta nessuno. Se il vostro reale interesse è invece quello di diventare delle rockstar, beh, forse vi conviene andare a comprarvi una chitarra. 

PS: la foto di Ramsay l’ho scelta su Google immagini tra quelle libere da diritto d’autore, e l’ho piazzata lì in cima al post col bieco intento di attirare visitatori. Qualora fosse di proprietà di qualcuno, la rimuoverò senza problemi a patto che prima scoppi una polemica, nella speranza ancor più bieca di registrare ancor più visitatori.

La leggenda di un obiettivo

zeiss-super-planar

È divertente pensare come, in certi frangenti, le vicende legate a freddi oggetti tecnologici possano essere ben più interessanti dei fatti di noi persone in carne e ossa. Addirittura, in certi rari casi, questi possono offrirci spunti di riflessione proprio su noi stessi.

E così, anche se ai più “Zeiss Planar 50mm f/0.7” non dirà nulla, agli appassionati di fotografia e cinema questo nome risuonerà come una specie di chimera, un oggetto leggendario per il quale sarebbero disposti a donare un rene o a sacrificare qualche parente pur di poterci mettere le mani sopra.

Il perché è semplice: questo obiettivo fotografico, sviluppato dai laboratori del grande Carl Zeiss a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 del Novecento, è uno dei più luminosi mai creati. Nota per i non appassionati di fotografia (da qui in poi, NPINAF): “luminoso” significa dotato di grande apertura di diaframma, e quindi in grado di funzionare in maniera eccellente anche in condizioni di scarsa luce.

Per creare un’ottica del genere si partì da progetti inizialmente sviluppati dalla Germania nazista per le osservazioni all’infrarosso, poi trafugati dai sovietici e infine arrivati nella Germania Ovest, dove l’azienda di Zeiss aveva la sua sede. Ovviamente un obiettivo del genere non era per nulla economico, e difatti lo sviluppo del progetto venne portato avanti perché occorreva alla NASA per le sonde che ai tempi venivano mandate a fotografare e mappare la superficie della Luna: si era in piena Guerra Fredda ed era cominciata la corsa per chi, tra USA e URSS, avrebbe per primo mandato un uomo sul nostro satellite. In particolare, le fotografie alla faccia “nascosta” della Luna rischiavano di venire troppo scure. Persino alcuni obiettivi con diaframma 1.0, e quindi luminosissimi, non si erano rivelati soddisfacenti. NPINAF: l’apertura del diaframma aumenta col diminuire del suo valore, quindi lo 0.7 dello Zeiss sta a significare che era ben più luminoso degli obiettivi 1.0, che comunque non scherzavano affatto a livello di performance in scarsa luce.

Comunque sia, la corsa alla Luna è andata come tutti conosciamo e, anche se motivata da ragioni a dir poco opinabili come dimostrare agli avversari di essere tecnologicamente (e quindi militarmente) più forti, il risultato è stato una lunga serie di progressi tecnologici di cui godiamo tuttora.

Dell’obiettivo vennero creati solo 10 esemplari: 1 rimase a Carl Zeiss, 6 furono venduti alla NASA e tre vennero invece acquistati dal grande regista Stanley Kubrick. So quanto quest’associazione farà felici quei complottisti che credono che lo sbarco sulla Luna del ’69 sia una messinscena filmata proprio dal grande cineasta. Sfortunatamente per loro però, Kubrick si interessò alla lente perché era, tra le altre cose, un grande esperto di tecnica fotografica oltre che uno dei pochi che ai tempi potesse permettersi un acquisto del genere.

billylyndon

Opportunamente adattato per la cinepresa, l’obiettivo venne utilizzato per filmare alcune scene di “Barry Lyndon”, sfruttando soltanto l’illuminazione delle candele. Per un perfezionista come Kubrick, questo era il modo giusto per rendere giustizia alle atmosfere settecentesche della sceneggiatura. C’era il rovescio della medaglia: un obiettivo così luminoso, per le basilari leggi dell’ottica, ha anche una cortissima profondità di campo (NPINAF: questa è la zona a fuoco dell’immagine). E così, per non apparire mai sfuocati, gli attori impegnati nelle scene a lume di candela non poterono quasi muoversi. Comunque, anche se tecnicamente complicatissimo, il risultato finale fu straordinario. La lente utilizzata per le riprese venne poi donata a Sage Stallone, figlio del più celebre Sylvester, che era un appassionato cineasta e fan di Kubrick (e come non esserlo?) e che purtroppo sarebbe mancato a soli 32 anni.

stanley-kubrick-2

Oggi un paio di queste lenti si possono affittare e provare su una macchina fotografica appositamente adattata. Non mi sono però informato sui costi: in fondo, ci tengo a rene e parenti. Ma la riflessione che più di ogni altra andrebbe fatta, pensando a questo oggetto, è di come spesso la tecnologia abbia fatto grandi balzi in avanti per le ragioni sbagliate. Prima gli obiettivi all’infrarosso dei nazisti, che ovviamente avevano ragione d’essere solo per utilizzo militare, poi la corsa alla Luna vinta dagli americani sui sovietici: risultato nobile, motivazione discutibile. E invece potremmo – e, a mio avviso, dovremmo – concentrarci sul creare qualcosa di nuovo solo perché aiuta il progresso dell’Umanità o, perché no, ci regala semplicemente qualcosa di bello, come un film girato a lume di candela.

 

La Notte Europea dei Ricercatori, edizione 2017

Ed eccoci qui a ricordare, come ogni anno, un evento da non perdere per tutti gli appassionati di scienza: il prossimo 29 settembre è la Notte Europea dei Ricercatori, edizione 2017.

Il programma degli eventi, come ogni anno, è fittissimo e coinvolge tantissime città e ogni fascia di età e ogni tipo di pubblico: ci sono infatti tantissimi spettacoli, convegni, laboratori didattici orientati a un pubblico misto, e altrettanti studiati apposta per le varie classi scolastiche, a partire dalla scuola dell’infanzia per arrivare fino agli ultimi anni delle superiori. E soprattutto, una proposta adatta ad ogni tipo di palato: si parla di biologia, di fisica, di chimica, di astronomia, di ingegneria ma anche di società, di futuro, di innovazione. Tutto orientato a “ridurre le distanze” tra il pubblico comune e chi lavora e vive di scienza. Qualche piccolo esempio:

Piccoli esperimenti di Termodinamica”, laboratorio organizzato dall’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, venerdì 29 settembre 2017 dalle ore 10:00 alle ore 12:00. La location è l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale – Area Ingegneria – via Gaetano Di Biasio, 43 – Cassino, IT.

Perché si è rotto il pedale della bicicletta?” Venerdì 29 settembre 2017, dalle ore 10:00 alle ore 19:00, presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale – Viale dell’Università – Cassino, IT.

Alice nel paese delle meraviglie dei materiali”, venerdì 29 settembre 2017, dalle ore 11:00 alle ore 23:59, presso il Fortino di Sant’Antonio Abate – Lungomare imperatore augusto – Bari, IT.

I mostri dentro di loro: un viaggio nel mondo dei parassiti”, venerdì 29 settembre 2017 dalle ore 15:00 alle ore 19:00. La location è l’Università di Parma – Via Università, 12 – Parma, IT.

Piccoli Fisici!”, venerdì 29 settembre 2017, dalle ore 14:00 alle ore 23:59. Presso l’INFN sezione di Pavia – Broletto, piazza della Vittoria – Pavia, IT.

Il filo conduttore della manifestazione è il Made in Science, ossia una “filiera della conoscenza” come visione per il mondo della scienza e della ricerca. La lista completa degli eventi è online ed è visualizzabile all’indirizzo http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017/programma/. È possibile filtrare gli eventi per data, luogo, fascia d’età a cui è orientato l’evento, tipologia. Come sempre, la Notte Europea dei Ricercatori di Frascati Scienza è un progetto finanziato dalla Commissione Europea. L’evento vanta oltre 50 partner scientifici e opera su più di trenta città italiane. Il suggerimento è quello di studiarsi per bene il programma e trovare l’evento più adatto ai propri interessi. Per esplorare, scoprire, avvicinarsi al mondo della ricerca con un sorriso.

Per ulteriori informazioni: www.frascatiscienza.it, sito ufficiale dell’associazione Frascati Scienza che coordina l’evento.

Storie di leoni, di Africa, di cinema e di YouTube

Nel 1970, Virginia McKenna e Bill Travers, coppia di acclamati attori inglesi, entrarono in un negozio di mobili a King’s Road a Londra, alla ricerca di una scrivania. I due non avrebbero mai potuto immaginare che questa semplice commissione li avrebbe resi l’anello di congiunzione tra le storie di due dei più celebri animali selvatici di tutti i tempi.

image

George Adamson (1906-1989)

Per raccontare questo affascinante intreccio di vicende, bisogna introdurre uno dei protagonisti assoluti della storia dell’attivismo ambientale in Africa, nonché uno dei simboli della lotta al bracconaggio e allo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali da parte dell’uomo.

Sono ormai passati oltre 25 anni dalla tragica scomparsa di George Adamson, il Baba ya Simba (padre dei leoni) che tanto ha fatto per sensibilizzare il pubblico sulla tutela degli animali selvatici. Eppure, il suo lungo lavoro di studio, allevamento e reintroduzione dei grandi predatori nel loro ambiente naturale non è andato perduto. Il suo nome è tutt’oggi associato ai maestosi scenari della savana africana e all’amore per la vita selvatica, in buona parte grazie alla notorietà giunta negli anni dal cinema, dai documentari e da una costante attenzione da parte dei media di mezzo mondo.

Adamson iniziò la sua carriera come guardacaccia nel 1938, nelle zone settentrionali del Kenya che coincidono con l’attuale Parco Nazionale di Meru. La sua attività proseguì fino al 1961, anno in cui decise di andare in pensione. La sua permanenza in quest’area durò invece fino al 1970, quando si trasferì nella Kora National Reserve (ora parco nazionale), sempre in Kenya. Qui si dedicò totalmente all’allevamento di animali allevati in cattività o rimasti orfani, allo scopo di reintrodurli in natura, attività a cui si era già dedicato in passato e per la quale era divenuto celebre, grazie in buona parte a sua moglie Joy.

image

Joy Adamson (1910-1980)

Joy, che aveva sposato George Adamson in terze nozze, era un’illustratrice: aveva creato molti pregevoli dipinti della natura africana che le avevano fruttato un buon nome nel campo. Tuttora gran parte delle sue opere sono conservate in un museo a Nairobi. Era innamorata dell’Africa e della sua natura selvaggia, sebbene il suo arrivo fosse stato dettato da cause non dipendenti dalla sua volontà: dall’Austria si era trasferita in Kenya insieme al primo marito, di origini ebraiche, per fuggire all’avvento del nazismo.

Il suo talento artistico si rivelò presto anche nella scrittura quando, nel 1960, diede alle stampe il suo primo racconto, Nata libera, in cui narrava la vera storia della leonessa Elsa, che era stata allevata da lei e da George per essere reintrodotta in natura.

image

Elsa (1956-1961)

Le vicende di Elsa sono ancora oggi conosciutissime: George Adamson, svolgendo il suo ruolo di guardacaccia, era andato alla ricerca di un leone che aveva sbranato degli uomini, per abbatterlo. Durante la battuta di caccia, Adamson e i suoi compagni vennero improvvisamente aggrediti da una leonessa a cui dovettero sparare, uccidendola. L’animale, in realtà, stava solo proteggendo il suo territorio e la sua famiglia: una cucciolata di tre femmine, che in seguito vennero chiamate Big One, Lustica ed Elsa.

Adamson, al ritorno dalla battuta di caccia, portò le tre leoncine con sé e decise di tenerle, per svezzarle ed evitare loro una morte certa. Elsa era la più piccola ma anche la più curiosa e intraprendente e, soprattutto, la più docile e affezionata agli uomini. Mentre le sue sorelle, una volta svezzate, vennero inviate allo zoo di Rotterdam, per Elsa si decise di provare a reintrodurla in natura. Dopo lunghe peripezie e non pochi fallimenti, gli Adamson riuscirono a restituire Elsa all’ambiente selvaggio in cui era nata. Circa tre anni dopo, Elsa tornò a salutare i suoi genitori adottivi in compagnia dei suoi tre cuccioli, i maschi Jespah e Gopa e la femmina Little Elsa. La leonessa morì nel 1961 dopo aver contratto una malattia infettiva, la piroplasmosi. Al suo funerale, Adamson sparò venti colpi di fucile in sua memoria. Ancora oggi la sua tomba, ubicata nel Parco Nazionale di Meru, è oggetto di visita da parte di tanti amanti della natura. Per i tre figli di Elsa, essendo mal visti da buona parte della popolazione locale, fu necessario un trasferimento in Serengeti, in Tanzania, dove finalmente riuscirono a trovare un ambiente a loro favorevole.

Il romanzo Nata Libera ebbe subito un grande successo di pubblico, trasformando George e Joy Adamson in celebrità di livello internazionale. Stessa cosa per il suo seguito Living Free, racconto in cui venivano raccontate le vicissitudini dei cuccioli di Elsa. Dalla carta stampata alle cineprese il passo fu breve: cortometraggi, documentari e serie televisive negli anni a venire avrebbero celebrato l’epopea degli Adamson e il loro grande amore per la natura selvaggia. Ma fu soprattutto la trasposizione cinematografica del primo romanzo di Joy, l’omonimo Born free (Nata libera nella sua traduzione italiana) a rendere i coniugi inglesi delle celebrità a livello planetario. Il film fu un grandissimo successo e divenne immediatamente un classico del cinema per ragazzi. E, manco a dirlo, per interpretare gli Adamson vennero scelti proprio i nostri Bill Travers e Virginia McKenna, che erano coniugi anche nella vita reale.

image

Poster originale di “Nata libera” (1965) (fonte: Wikipedia)

Quello che non tutti sanno è che durante la lavorazione del film gli Adamson collaborarono attivamente come consulenti e addestratori dei leoni e strinsero una sincera amicizia con i due attori scelti per rappresentarli. Questi ultimi, da parte loro, furono profondamente segnati dall’esperienza e, pur proseguendo con successo nelle loro carriere, da quel momento decisero di dedicarsi attivamente alla salvaguardia della natura.

Ed eccoci tornati al 1970 e al nostro negozio di mobili in King’s road. Erano passati pochi anni dalle riprese di Born free e i due attori avevano fresca memoria della loro esperienza in Kenya. Al primo piano del negozio, ad attenderli, c’era una sorpresa inaspettata: era Christian, un leone maschio di pochi mesi ma dalle dimensioni già notevoli. Il leone, di proprietà di due ragazzi australiani, John Rendall e Anthony “Ace” Bourke, era stato acquistato nei celebri magazzini Harrod’s di Londra l’anno precedente. Ai tempi la legislazione britannica consentiva l’acquisto e l’allevamento di animali esotici in casa, e anzi nella mondana capitale inglese di fine anni ‘60 stravaganze come portare un cucciolo di leone o di leopardo al guinzaglio erano piuttosto comuni.

I due ragazzi, dipendenti del negozio di mobili, avevano trovato nel primo piano del negozio un buon accomodamento per il loro cucciolo, ma la rapida crescita e il notevole aumento di peso cominciavano a creare più di un problema nel suo mantenimento. Per permettergli di fare qualche corsetta, il vicario del quartiere permise ai proprietari di Christian di farlo passeggiare liberamente nel camposanto (!).

In questo senso l’arrivo dei due attori amici degli animali fu provvidenziale: i ragazzi australiani non esitarono a chiedere aiuto per Christian, al fine di evitargli una triste fine dietro alle sbarre di uno zoo. Subito i coniugi Travers si dissero entusiasti di poter dare una mano e contattarono George Adamson (che nel frattempo si era separato da Joy) per vedere se fosse possibile fare con Christian quello che era stato fatto con Elsa e con tanti altri animali.

L’impresa non era facile e lo stesso Adamson si disse dubbioso: c’era una bella differenza tra il reintrodurre nella savana africana degli animali già selvatici all’origine e provare a far adattare a un nuovo ambiente un leone proveniente da uno zoo e discendente da animali a loro volta addomesticati. Ciononostante, il “padre dei leoni” prese a cuore la causa e accettò di prendersi in carico Christian.

Dopo lunghe trattative con le autorità del Kenya, inizialmente restie ad accettare l’introduzione dell’animale sul loro territorio, alla fine l’autorizzazione arrivò. Durante questo periodo di attesa, Christian venne custodito nella tenuta personale dei Travers in Surrey, in un recinto creato appositamente per lui. Poco dopo aver compiuto l’anno di età, Christian era finalmente in volo verso la riserva di Kora.

Adamson aveva pensato di creare un branco di animali in cui Christian potesse integrarsi e adattarsi gradualmente alla savana. Venne affiancato a un altro leone maschio più grande, anch’esso allevato per anni da Adamson e chiamato Boy, che sarebbe stato il capobranco. Dopo una forte aggressività iniziale da parte di Boy, i due leoni strinsero una forte amicizia. Al branco venne poi aggiunta una femmina, Katania.

Purtroppo la storia del branco fu accompagnata da molte disgrazie: Katania venne aggredita da un coccodrillo, mentre un’altra femmina che le era stata affiancata venne uccisa da un branco rivale. Lo stesso Boy ebbe una tragica fine: Stanley, cuoco della riserva e amico di Adamson, si era allontanato dalla zona sicura per raccogliere del miele selvatico. All’improvviso si accorse di essere seguito da Boy e, spaventato, si mise a correre scatenando l’istinto predatorio del leone. Boy lo azzannò e Adamson, sopraggiunto, fu costretto a sparargli, uccidendolo. Lo stesso Stanley morì due giorni dopo per le ferite riportate. La tragedia causò un grande clamore mediatico e alcune persone cominciarono a sollevare dubbi sulla pericolosità del progetto di Adamson.

In ogni caso, il lavoro di reintroduzione di Christian proseguì, fino a che l’animale sembrò perfettamente in grado di vivere nella savana. Nel 1974 Christian, ormai un leone adulto, era a capo di un branco e aveva avuto cuccioli con due femmine. Rendall e Bourke, confortati da questa notizia, chiesero ad Adamson di reincontrare quello che era stato il loro cucciolo. Il naturalista si disse scettico, sia perché dubitava che il leone li avrebbe riconosciuti, sia perché erano mesi che Christian non si faceva vedere vicino al campo base. Ma le cose andarono in un modo del tutto inaspettato.

Il giorno dell’arrivo dei due ragazzi, infatti, Christian apparve dalla sua roccia preferita, a breve distanza dal campo, come se stesse aspettando qualcuno. L’incontro fu memorabile: dopo un attimo di indecisione e ripetuti sguardi di verifica, Christian scese dalla roccia e corse incontro ai suoi amici di infanzia, abbracciandoli e mostrando una gioia incontenibile nel rivederli dopo così tanto tempo. Dopo poco, anche il resto della famiglia di Christian venne a salutare i suoi amici umani.

Tre mesi dopo avvenne un altro incontro, l’ultimo, tra il leone e i suoi ex padroni. Da lì in poi Christian non fu più visto, ma Adamson ha ipotizzato che abbia trascorso serenamente i suoi ultimi anni in prossimità della Riserva Naturale di Meru, a breve distanza da Kora.

Tutti questi incontri vennero fotografati e filmati, dando origine a un gran numero di documentari su Christian che fecero il giro del mondo. L’amicizia di Rendall e Bourke con il fotografo Derek Cattani fu di grande aiuto in tal senso. Ma l’evento che più di ogni anno riportò l’attenzione dei media mondiali sulle vicende dell’animale fu la pubblicazione su YouTube del toccante video del ricongiungimento, nel 2006. Pubblicato dalla studentessa californiana Lisa Williams, il video divenne immediatamente virale e raggiunse in brevissimo tempo i cinquanta milioni di visualizzazioni. L’originale è stato rimosso, ma varie altre versioni sono disponibili in rete, come questa:

Alla fine, comunque, tutta questa attenzione da parte dei media è servita a sensibilizzare il pubblico sulla conservazione degli ambienti naturali e della fauna selvatica. In particolare, la notorietà di Elsa e Christian ha permesso di mantenere in vita fino a oggi i progetti nati dai protagonisti di questa vicenda: il George Adamson Wildlife Preservation Trust e la Born Free Foundation, quest’ultima creata da Bill Travers e Virginia McKenna.

Gli stessi protagonisti della vicenda hanno avuto sorti alterne. Da un lato i due attori, rimasti insieme fino alla morte di lui nel 1994, hanno avuto tanti altri successi televisivi e cinematografici e hanno continuato a dedicarsi all’ambiente. Virginia McKenna, in particolare, è ancora a capo della fondazione ed è molto impegnata nella promozione delle sue attività. Dall’altro lato Joy Adamson, nel 1980 (dieci anni dopo la separazione dal marito) venne barbaramente uccisa da un suo ex dipendente, forse a causa di debiti non saldati. Sulla sua morte però non è mai stata fatta del tutto chiarezza. George Adamson morì invece nel 1989 vicino a Kora, in un conflitto a fuoco con dei banditi somali mentre stava accorrendo in difesa di un turista che era venuto a trovarlo e che si salvò per merito suo. Oggi si trova sepolto nel Kora National Park a fianco di suo fratello Terrance, di Super Cub, il cucciolo preferito di Terrance, e del suo amato leone Boy.

Dodicesima edizione della settimana della scienza e della notte europea dei ricercatori di Frascati Scienza

Manifesto-web-2017.07.28-11.17

Nel sentire comune di gran parte delle persone, la Scienza è un’entità distante, distaccata dalla vita di tutti i giorni e di interesse solo di chi se ne occupa per professione (ad esempio ricercatori e professori) o eventualmente per qualche appassionato. Ma in realtà non è così, dato che tutta la nostra vita, dal primo all’ultimo istante, è fortemente interconnessa con i risultati della ricerca: è Scienza il letto in cui dormiamo e la sveglia che ci fa alzare al mattino, la macchinetta del caffè e l’automobile, l’autobus o il motorino che ci portano al lavoro; è Scienza il computer e lo smartphone che usiamo ogni giorno,  la medicina che prendiamo per il raffreddore e persino il cibo che abbiamo nel piatto. Secoli di ricerca e di indagini sul mondo che conosciamo hanno plasmato l’Umanità per quello che è al giorno d’oggi, ma sono ancora in pochi a rendersene pienamente conto. Per questo, sono indispensabili eventi di divulgazione scientifica in cui questi concetti vengono portati nelle scuole, nelle piazze, nei teatri, per strada.

Per il dodicesimo anno consecutivo, la Settimana della Scienza proposta da Frascati Scienza offrirà un programma ricco di conferenze, eventi, laboratori e caffè scientifici. Anche quest’anno, lo scopo finale della manifestazione sarà ridurre le distanze tra il grande pubblico e il mondo della ricerca scientifica. In particolare, il 29 settembre 2017 sarà la Notte Europea dei Ricercatori (come sempre promossa da Frascati Scienza), dove si avrà modo di sentire all’opera scienziati, ricercatori, comunicatori scientifici raccontare in un modo insolito e accattivante, per avvicinarsi al mondo della ricerca divertendosi.

 

Ulteriori informazioni sulla Notte Europea dei Ricercatori edizione 2017 si possono trovare nella pagina dedicata all’evento,

http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017

E nella homepage del sito di Frascati Scienza,

http://www.frascatiscienza.it

La Notte Europea dei Ricercatori è promossa dalla Commissione Europea. In Italia il progetto, coordinato dall’Associazione Frascati Scienza, può vantare una lunga lista di collaborazioni prestigiose. Tra queste la Regione Lazio, il Comune di Frascati, ASI, CNR, CINECA, CREA, ESA-ESRIN, GARR, INAF, INFN, INGV, ISPRA, ISS, La Sapienza Università di Roma, Sardegna Ricerche, l’Università di Cagliari, l’Università di Cassino, l’Università LUMSA di Roma e Palermo, l’Università di Parma, l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, l’Università degli Studi Roma Tre, l’Università di Sassari, l’Università della Tuscia, Astronomitaly, l’Associazione Tuscolana di Astronomia, Explora, G.Eco, Ludis, l’Osservatorio astronomico di Gorga (RM), la Fondazione GAL Hassin di Isnello

Perché proprio il pangolino?

800px-tree_pangolin

Pangolino tricuspide (Valerius Tygart – Wikimedia Commons)

All’ordine dei mammiferi Folidoti appartengono esclusivamente le otto specie conosciute di pangolino. Per chi non li conoscesse, questi simpatici animaletti sono specializzati nella cattura di insetti e larve di vario genere, con una particolare predilezione per termiti e formiche. Le tante scaglie di cheratina, che in certi esemplari possono essere mille o anche di più, coprono la quasi totalità del corpo degli animali e donano loro un aspetto corazzato che li rende facilmente riconoscibili. A seconda della specie, i pangolini possono misurare da poche decine di centimetri fino ad arrivare al metro di lunghezza.

I pangolini, se escludiamo le loro piccole prede, sono animali sostanzialmente innocui. Sono per lo più notturni e per questo motivo quasi del tutto ciechi. Per difendersi da pericoli esterni non usano artigli o denti (che non hanno), ma si appallottolano un po’ come fanno i ricci, sfruttando così la loro protezione esterna. Grazie a un notevole esempio di convergenza evolutiva, dispongono di lunghi artigli per attaccare i termitai e una lunga lingua appiccicosa che serve a catturare gli insetti che li fa in questi aspetti assomigliare ai formichieri americani.

Le varie specie si possono trovare in buona parte del continente africano (dalle nazioni subsahariane fin giù al Sudafrica) e in Asia, in particolare in India, Cina e Indonesia. Sono inoltre difficilissimi da allevare: in cattività il loro tasso di mortalità è altissimo.

E fin qui, nulla di nuovo per chi è appassionato di natura e di animali esotici un po’ particolari. Il pangolino è sostanzialmente una creatura timida, insolita, bella. La novità del 2016 è che il pangolino è stato dichiarato ufficialmente “L’animale più trafficato al mondo“. La sua carne è ritenuta particolarmente prelibata e viene mangiata sia in Africa sia nel Sudest asiatico, le scaglie di cheratina vengono utilizzate per la creazione di gioielli e decorazioni di vario genere. Le scaglie sono inoltre sfruttate dalla famigerata medicina tradizionale cinese, che, quando si tratta di contribuire alla scomparsa di animali già in grave declino, non riesce proprio a mancare all’appello.

March of the Pangolins from WildAid on Vimeo.

Ma è soprattutto nel Sudest asiatico che il pangolino viene considerato una specie di status symbol. In Vietnam un chilogrammo di carne di pangolino può arrivare a costare 200 dollari sul mercato nero. Le quattro specie asiatiche sono quelle più a rischio di estinzione ma, data la grande richiesta, ora anche in Africa il bracconaggio sta crescendo in maniera esponenziale. E, conseguentemente, il traffico illecito che porta carne e scaglie di pangolino dal continente nero al Sudest asiatico è in costante aumento. Alcuni mesi fa sono state sequestrate 1,4 tonnellate di scaglie di pangolino, provenienti dalla Sierra Leone, nel porto vietnamita di Haiphong. Si è stimato che fossero state prelevate da circa diecimila animali. In un’altra occasione, ancora nel 2016, al porto di Hong Kong sono state sequestrate circa 4,4 tonnellate di scaglie: le casse riportavano l’indicazione “scaglie di plastica”. In un’altra occasione, sempre nel corso del 2016 e sempre a Hong Kong, le scaglie confiscate erano quasi 10 tonnellate ed erano dirette alle Filippine. Ad agosto, in un ristorante sull’isola di Giava, le autorità hanno confiscato 650 corpi di pangolino, conservati nel freezer di un ristorante.

Nonostante il lavoro incessante di tutela portato avanti sul territorio (decine di bracconieri vengono arrestati ogni anno, soprattutto in Africa), gli altissimi prezzi del mercato asiatico sembrano rendere il traffico illegale degli animali sempre più intenso e sempre più difficile da contrastare. Secondo la IUCN, l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, oltre un milione di persone ha acquistato pangolini negli ultimi dieci anni. E non solo come cibo o come fonte di scaglie: si sta diffondendo sempre di più la moda di tenere i pangolini in casa come animali domestici, cosa che, come abbiamo visto, è del tutto incompatibile con la loro natura e che causa lA loro morte nella stragrande maggioranza dei casi.

E così nel settembre scorso, al meeting di Johannesburg, i rappresentanti del CITES (Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione) hanno votato all’unanimità un bando totale sul commercio internazionale dei pangolini. Gli animali sono stati inseriti nell’Appendice 1 della convenzione, che garantisce loro la massima protezione possibile. Le otto specie sono oggi tutte classificate tra “vulnerabile” e “a rischio di estinzione” nella Lista rossa dell’IUCN. Ulteriori informazioni sull’attuale status dei pangolini si possono trovare in un lungo articolo in italiano sul sito naturalistico Mongabay.

Personalmente mi ritengo piuttosto scettico su quanto questo tipo di tutela possa influire su un mercato nero immenso, che coinvolge decine di nazioni su due continenti (e non solo: pare che anche in Europa e in America si stia diffondendo un certo interesse per l’animaletto corazzato). Tra l’altro, il commercio di pangolini genera un giro di affari nell’ordine di decine di milioni di euro ogni anno (e forse anche di più): difficile contrastare un mercato di tale portata. Ciononostante, la dichiarazione del Cites ha dato una tenue speranza in più al nostro timido raccoglitore di termiti. Speriamo bene.

Nel frattempo, pur cercando di conservare una visione il più possibile ottimistica sul futuro del nostro pianeta, non posso esimermi dal ricordare che ogni anno decine, forse centinaia o migliaia di specie scompaiono dalla faccia della Terra. Ecco un breve riassunto di alcune specie a cui abbiamo definitivamente dato l’addio nel 2016. Sperando che l’anno a venire non sia ancora peggiore.

Winston, l’ornitorinco

14784187

La grande storia, quella che studiamo sui banchi di scuola e che racconta le vicissitudini dell’Umanità nei secoli, ogni tanto si incrocia e si mescola con storie più piccole, che interessano solo noi amanti della natura e pochi altri. Ma questa è una di quelle vicende che merita di essere raccontata a tutti.
Nel febbraio 1943, il celebre primo ministro inglese Winston Churchill non aveva sicuramente tanto tempo libero da dedicare alle distrazioni. Ciononostante, fu proprio in quel periodo storico che il carismatico premier inviò al suo corrispettivo australiano un cablogramma, una sorta di telegramma che viaggia lungo un cavo sottomarino, che era quantomeno insolito: chiedeva cortesemente che venissero inviati nel Regno Unito, dove ancora imperversava la guerra, ben sei ornitorinchi. Vivi.
Per quanto balzana, la richiesta venne presa con estrema serietà dagli ufficiali australiani: Churchill era notoriamente molto poco aperto al dialogo e ancor meno disponibile ad accettare giustificazioni. Sei bellissimi cigni neri australiani già nuotavano nel laghetto di Chartwell, la sua residenza privata, e la fama dell’insolito animaletto australe aveva raggiunto anche l’Europa.
Oggi infatti sappiamo che l’ornitorinco è a tutti gli effetti un mammifero: ha il pelo, nel suo corpo circola sangue caldo e allatta i piccoli, ma ha anche caratteristiche piuttosto insolite per il suo gruppo di appartenenza. Ad esempio non partorisce i piccoli ma depone le uova come fanno gli echidna, suoi conterranei; inoltre è velenoso, caratteristica che condivide con circa una decina di altri mammiferi. Poi quel suo becco così simile a quello delle anatre, le zampe palmate e il corpo da lontra oggi ci dimostrano quanto l’evoluzione porti alla comparsa di forme di vita veramente bizzarre. Ma ai tempi di Churchill beh, era ancora lecito pensare a uno scherzo. D’altra parte c’era voluto il grande Linneo per capire che i resti di un’idra con sette teste, da molti ritenuti autentici, altro non erano che il frutto del fantasioso lavoro di un imbalsamatore.

1024px-winston_churchill_as_prime_minister_1940-1945_mh26392.900x600

L’ornitorinco era stato scoperto in tempi relativamente recenti, nel 1799, e nessuno ne aveva mai visto uno vivo in Inghilterra. Era anche quasi impossibile da allevare in cattività. “Quasi” perché grazie agli sforzi di David Fleay, un curatore dello zoo di Melbourne, il primo “ornitorincario” (sic) da lui messo a punto aveva ospitato con successo Jill e Jack, la prima coppia di ornitorinchi in grado di vivere, accoppiarsi e riprodursi in cattività. Dalla loro unione sarebbe nata la piccola Corrie, prima rappresentante della sua specie a nascere circondata dalle sbarre di una gabbia. Così, la fama dell’ornitorinco era cresciuta a dismisura anche agli antipodi della sua terra d’origine, nonostante la guerra.
Fu proprio Fleay a ricevere la richiesta di Churchill e, bontà sua, riuscì a ridimensionarla. Di lì a qualche mese, un solo ornitorinco avrebbe affrontato il viaggio transoceanico. Catturato dallo stesso scienziato il 1° aprile (data forse non casuale), il giovane maschio venne chiamato Winston in onore del suo esigente futuro padrone.
Caricato sulla nave “Port Phillip” insieme a una casetta su misura che riproduceva in tutto e per tutto il suo ambiente fluviale, Winston (quello piccolo e peloso) salpò alla volta delle terre britanniche con una scorta di acqua dolce, vermi della farina, gamberi e lombrichi “sufficiente per fare il giro del mondo”. Attraversò senza problemi l’oceano Pacifico e poi il canale di Panama. Il vero problema era però che nel cuore dell’Atlantico la guerra imperversava: le acque dei mari inglesi erano piene dei temibili U-Boot tedeschi, che attaccavano regolarmente le navi in transito.
E in effetti, a pochi giorni di navigazione da Liverpool, l’insolito viaggiatore subì le conseguenze delle folli guerre degli uomini. Il sonar della Port Phillip registrò infatti la presenza di un sottomarino. Prontamente vennero sganciate delle bombe di profondità, che salvarono la nave e l’equipaggio dall’attacco. Ci fu un’unica vittima, proprio il piccolo Winston. Il suo sensibilissimo becco, una specie di sonar che, tramite impulsi elettrici, è in grado di trovare le più minute prede sul fondo dei fiumi, non era certo tarato per sopportare le violentissime vibrazioni causate dalle detonazioni delle bombe. Morì sul colpo.
Anche il telegramma inviato subito dopo la morte dell’ornitorinco tradiva una grande delusione nell’aver fallito per così poco la missione. Ma il piccolo Winston era comunque destinato a far compagnia al grande Winston: ben presto, un insolito animaletto che solo in pochi avevano visto in Inghilterra, campeggiava, impagliato, sulla scrivania del suo Primo Ministro.

vintageplatypus